Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 Dicembre;98(6) > Minerva Medica 2007 Dicembre;98(6):661-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2007 Dicembre;98(6):661-4

lingua: Inglese

Studio caso-controllo con Panicum Miliaceum nel trattamento dell’alopecia indotta dalla chemioterapia antitumorale

Gardani G., Cerrone R., Biella C., Galbiati B., Proserpio E., Casiraghi M., Travisi O., Meregalli M., Trabattoni P., Colombo L., Giani L., Messina G., Arnoffi J., Lissoni P.

Department of Radiotherapy and Oncology San Gerardo Hospital, Monza, Milan, Italy


PDF  


Obiettivo. L’alopecia continua ad essere uno degli effetti collaterali della chemioterapia antitumorale meno trattabile. In accordo con la tradizione fitoterapica, il Panicum Miliaceum è considerato efficace nella prevenzione della caduta dei capelli per varie cause. Attualmente, comunque, non vi sono dati circa la sua possibile efficacia nel trattamento della alopecia indotta dalla chemioterapia antitumorale. Questo studio è stato programmato per valutare l’efficacia del Panicum Miliaceum in pazienti oncologici trattati con i farmaci chemioterapici più potenti in termini di perdita di capelli, vale a dire cisplatino (CDDP) ed antracicline.
Metodi. Questo studio caso-controllo è stato condotto su 28 pazienti trattati contemporaneamente con Panicum miliaceum (MiglioCres®, Capelli) e su 56 pazienti che ricevevano solo la stessa combinazione chemioterapia quale gruppo di contortolo. Il Panicum Miliaceum veniva somministrato per via orale alla dose di 300 mg/die suddiviso in tre assunzioni, ogni giorno sino alla fine della chemioterapia. Il grado di perdita dei capelli veniva valutato mediante i criteri WHO.
Risultati. La percentuale di alopecia grado 3 osservata nei pazienti trattati contemporaneamente con Panicum Miliaceum in associazione a regimi comprendenti CDDP era significativamente più bassa rispetto a quella osservata in coloro che ricevevano la sola chemioterapia. La percentuale era inferiore anche durante schemi comprendenti antracicline, senza, tuttavia, differenze statisticamente significative. Il Panicum Miliaceum è stato tollerato sostanzialmente bene in tutti i pazienti.
Conclusioni. Questo studio preliminare suggerisce che la somministrazione concomitante di Panicum Miliaceum possa essere efficace nel prevenire la perdita di capelli indotta da chemioterapie comprendenti CDDP, mentre il beneficio era meno evidente nei pazienti trattati con antacicline. Studi futuri randomizzati saranno necessari per confermare questi risultati preliminari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail