Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 October;98(5) > Minerva Medica 2007 October;98(5):575-89

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2007 October;98(5):575-89

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Malattia meningococcica: revisione dei vaccini attualmente disponibili e di quelli in via di sviluppo

Bröker M. 1, Fantoni S. 2

1 Novartis Vaccines Marburg, Germany 2 Novartis Vaccines Siena, Italy


PDF  


Le infezioni meningococciche continuano ad avere un significativo impatto sulla salute pubblica in molti paesi. La maggior parte delle patologie meningococciche è causata da cinque principali gruppi di Neisseria meningitidis (A, B, C, Y e W135). Vaccini polisaccaridici per N. meningitidis di gruppo A, C, Y e W135 sono in uso da circa vent’anni, sia nella prevenzione di malattia invasiva in popolazioni ad alto rischio, sia per controllare i focolai epidemici. Tuttavia, questi vaccini meningococcici convenzionali inducono risposte immunitarie indipendenti dalle cellule T e relativamente di breve durata, non sono efficaci nei bambini con meno di due anni e indurre un’iporesponsività. Sono stati successivamente sviluppati nuovi vaccini coniugati contro i meninigococchi di gruppo C, che offrono solidi vantaggi rispetto ai vaccini di solo polisaccaride attualmente registrati. Sono in via di sviluppo vaccini meningococcici tetravalenti (validi contro i sierogruppi A, C, Y e W135) e uno è già stato approvato negli Stati Uniti. Attualmente, non è disponibile un vaccino universale valido contro il sierogruppo B, che è una causa maggiore di patologia invasiva. In questo articolo presenteremo una rassegna dei diversi approcci allo sviluppo di vaccini diretti contro i meningococchi patogeni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail