Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 Agosto;98(4) > Minerva Medica 2007 Agosto;98(4):395-400

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna

Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4806

Online ISSN 1827-1669

 

Minerva Medica 2007 Agosto;98(4):395-400

L’ECOENDOSCOPIA NEL 2007 

 EDITORIALE

Valutazione on-site e triage per la citologia agoaspirativa sotto guida ecoendoscopica. L’esperienza torinese

Campisi P. 1, Accinelli G. 1, De Angelis C. 2, Pacchioni D. 1, Bussolati G. 1

1 Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Università degli Studi di Torino,Torino
2 Dipartimento di Gastroenterologia ed Epatologia Università degli Studi di Torino,Torino

Obiettivo. Valutare l’importanza della presenza del citopatologo al momento del prelievo agoaspirativo eco-endoscopico per la determinazione dell’adeguatezza del campione e allo scopo di programmare eventuali tecniche aggiuntive utili alla diagnosi.
Metodi. Presentiamo un’analisi retrospettiva della nostra esperienza con i campioni ottenuti dagli EUS-FNA. Nel periodo compreso tra gennaio 2001 e maggio 2007, 404 pazienti sono stati sottoposti a EUS-FNA. Però solo a partire dal Gennaio 2003 nel corso della procedura è stato presente un citopatologo dedicato alla valutazione estemporanea del campione.
Risultati. Prima del 2003 (senza la presenza del citopatologo on-site) si è giunti ad una diagnosi citologica conclusiva solo nel 70% dei casi. A partire dal 2003, con la presenza del citopatologo, la percentuale è salita al 90% dei casi. Inoltre è stato possibile programmare e applicare tecniche ancillari quali: la valutazione immunocitochimica dell’incluso ottenuto dal cell block tra cui il conteggio dell’indice proliferativo di una lesione, la programmazione di un prelievo per la citoflussimetria nel sospetto di un disordine linfoproliferativo o l’invio di un prelievo in microbiologia nel sospetto di una patologia infettiva.
Conclusioni. La qualità del campione e la corretta manipolazione del materiale sono elementi fondamentali per l’ottenimento di una diagnosi citopatologica conclusiva. La valutazione estemporanea e il triage del materiale permettono di incrementare l’accuratezza diagnostica.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina