Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 August;98(4) > Minerva Medica 2007 August;98(4):331-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

EDITORIALE  L’ECOENDOSCOPIA NEL 2007


Minerva Medica 2007 August;98(4):331-8

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La mediastinoscopia “medica” completa (EUS-FNA + EBUS-TBNA)

Vilmann P. 1, Puri R. 2

1 Department of Surgical Gastroenterology Gentofte University Hospital Copenhagen, Denmark 2 Department of Medical Gastroenterology Sir Ganga Ram Hospital, New Delhi, India


PDF  


La diagnosi di masse mediastiniche di natura da determinare e la stadiazione del cancro polmonare rappresentano una sfida significativa. Le opzioni per le diagnosi tessutali comprendono la biopsia per via percutanea sotto guida tomografica computerizzata, l’agoaspirazione per via transbronchiale, la mediastinoscopia/mediastinotomia o toracoscopia, ma queste indagini hanno limitazioni legate al tipo di tessuto, al profilo della sicurezza e ai costi. L’ecografia endoscopica per via transesofagea (transesophageal endoscopic ultrasound, EUS) rappresenta un nuovo metodo minimamente invasivo che fornisce immagini ad alta risoluzione del mediastino utilizzando sonde ecografiche ad alta frequenza applicate alla punta di un endoscopio flessibile e offre, inoltre, la possibilità di eseguire un’agoaspirazione (fine needle aspiration, FNA, in questo caso EUS-FNA) o una biopsia con ago tru-cut (tru-cut biopsy, TCB o biopsia con ago truculento) in tempo reale sotto guida ecografia. L’EUS-FNA consente l’accesso al mediastino posteriore e l’acquisizione di tessuto in tempo reale sotto guida ecografia attraverso la parete esofagea. L’indicazione della EUS-FNA nel mediastino è quella di porre diagnosi di una lesione originariamente di natura da determinare o di consentire il prelievo di tessuto dai linfonodi mediastinico per la stadiazione del cancro polmonare o, ancora, di diagnosticare altre patologie interessanti i linfonodi o il mediastino, quali la tubercolosi, la sarcoidosi, l’istoplasmosi o le metastasi derivanti da molti altri tipi di cancro. Se si sospetta un linfoma di un linfonodo mediastinico ingrandito si preferisce eseguire una EUS-TCB. La EUS-FNA è sicura, può essere eseguita in regime ambulatoriale, è ben tollerata e rappresenta un eccellente strumento diagnostico, con una sensibilità superiore al 90% e una specificità del 100%. Rispetto alla tomografia computerizzata, alla tomografia con emissione di positroni, alla mediastinoscopia e l’aspirazione transbronchiale, l’EUS-FNA si è dimostrata significativamente più accurata per la stadiazione del cancro polmonare diverso dal microcitoma. Tuttavia, la mediastinoscopia, al momento, rappresenta ancora il punto di riferimento per quanto riguarda il mediastino anteriore, dal momento che l’EUS non riesce a evidenziare questa zona a causa della presenza della trachea piena di aria. Recentemente, è stata sviluppata l’agobiopsia transbronchiale ecoguidata endobronchialmente (endobronchial ultrasound guided transbronchial needle aspiration biopsy, EBUS-TBNA) e diverse pubblicazioni stanno attualmente documentando il suo elevato valore diagnostico, con sensibilità superiore al 90% nella stadiazione dei tumori polmonari diversi dai microcitomi. Una recente pubblicazione del nostro gruppo ha documentato una sensibilità e una specificità del 100% quando l’EUS-FNA e l’EBUS-TBNA vengono utilizzate in combinazione per la stadiazione di lesioni mediastiniche. Sembra perciò logico pensare che la combinazione della EUS-FNA e della EBUS-TBNA sostituirà in tempi brevi metodi più invasivi, quali la mediastinoscopia, per la diagnosi e la stadiazione dei cancri polmonari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail