Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 February;98(1) > Minerva Medica 2007 February;98(1):53-68

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2007 February;98(1):53-68

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Razionale e risultati del trattamento settimanale con calcifediolo nell’osteoporosi postmenopausale e senile

Rossini M., Viapiana O., Idolazzi L., Fracassi E., Gatti D., Adami S.

Unità di Reumatologia Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgiche Università degli Studi di Verona, Verona


PDF  


venzione e nel trattamento dell’osteoporosi postmenopausale e senile e probabilmente anche di altre importanti patologie extrascheletriche. La prevalenza della carenza di vitamina D è tuttora elevata, in particolare negli anziani, e ciò dimostra l’ancora insufficiente percezione del problema e l’inadeguatezza dei trattamenti preventivi sino ad ora intrapresi. Inoltre i livelli sierici necessari di 25-idrossicolecalciferolo (calcifediolo) ed il fabbisogno di vitamina D si sono recentemente rilevati più elevati di quanto ritenuto in passato. La somministrazione settimanale di calcifediolo, in associazione con altri farmaci per il trattamento dell’osteoporosi, appare particolarmente adatta per migliorare l’aderenza e l’efficacia della terapia. La posologia settimanale del calcifediolo è quantificabile in 4 000-6 000 UI (20-30 gocce) e va adattata alle esigenze del singolo individuo, sulla base dell’età e dei fattori di rischio per carenza di vitamina D.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail