Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 October;97(5) > Minerva Medica 2006 October;97(5):391-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2006 October;97(5):391-4

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetti dell’acupressione sulla nausea e vomito indotti dalla chemioterapia in pazienti oncologici

Gardani G., Cerrone R., Biella C., Mancini L., Proserpio E., Casiraghi M., Travisi O., Meregalli M., Trabattoni P., Colombo L., Giani L., Vaghi M., Lissoni P.

Department of Radiotherapy and Oncology San Gerardo Hospital, Monza, Milan, Italy


PDF  


Obiettivo. Cortisonici, antidopaminergici e antiserotoninergici di tipo 3 sono i farmaci più comunemente impiegati nel trattamento del vomito indotto da chemioterapia. Anche l’agopuntura e l’acupressione sono risultate in grado di esercitare effetti antiemetici. Lo scopo di questo studio è stato valutare l’efficacia dell’acupressione nel trattamento del vomito da chemioterapia resistente ai trattamenti antiemetici convenzionali.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 40 pazienti con neoplasia avanzata e con vomito da chemioterapia intrattabile. Le neoplasie più frequenti nei nostri pazienti erano rappresentate da carcinoma del colon-retto, carcinoma polmonare e carcinoma mammario. In accordo con l’istotipo di neoplasia, i pazienti venivano trattati con schemi di chemioterapia comprendenti i principali agenti citotossici emetizzanti, vale a dire cisplatino e antracicline. L’acupres-sione veniva realizzata mediante stimolazione del punto PC6 per almeno 6 h/die a partire dall’inizio della chemioterapia.
Risultati. L’approccio terapeutico è stato favorevolmente accettato da tutti i pazienti. Un miglioramento evidente della sintomatologia emetica è stato conseguito in 28 dei 40 (70%) pazienti, senza differenze significative né in relazione all’istotipo di neoplasia, né al tipo di agente chemioterapico.
Conclusioni. Questo studio preliminare sembra suggerire che un approccio bioenergetico mediante acupressione sul punto PC6 possa essere efficace nel trattamento del vomito da chemioterapia non responsivo ai trattamenti farmacologici convenzionali, come già precedentemente dimostrato nel caso del trattamento del vomito durante gravidanza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail