Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 August;97(4) > Minerva Medica 2006 August;97(4):313-24

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

REVIEW  CLINICAL ADVANCES IN HYPERTENSION


Minerva Medica 2006 August;97(4):313-24

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ipertensione nefrovascolare: concetti clinici

Fenves A. Z. 1, Ram C. V. S. 2

1 Nephrology Division Baylor University Medical Center, Dallas, TX, USA 2 Texas Blood Pressure Institute Dallas Nephrology Associates University of Texas Southwestern Medical Center Dallas, TX, USA


PDF  


L’ipertensione arteriosa è una patologia frequente nella pratica clinica ed è un’importante causa di grave morbilità e di morte prematura. Una piccola proporzione di pazienti ipertesi (<5%) può avere un’ipertensione nefrovascolare. In senso stretto, il termine ipertensione nefrovascolare dovrebbe essere applicato solo quando l’aumento pressorio è la conseguenza di un’ischemia renale. Pertanto, la mera presenza di stenosi dell’arteria renale non è sinonimo di ipertensione nefrovascolare. La terapia dovrebbe pertanto essere mirata alla presenza di ipertensione nefrovascolare e non a una semplice stenosi anatomica di un’arteria renale, che può anche essere scoperta casualmente. L’approccio clinico all’ipertensione nefrovascolare è spesso impreciso. Questo articolo discuterà la fisiopatologia dell’ipertensione nefrovascolare e l’approccio clinico al paziente con stenosi dell’arteria renale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail