Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 Giugno;97(3) > Minerva Medica 2006 Giugno;97(3):271-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2006 Giugno;97(3):271-5

lingua: Inglese

Alleli HLA-DRB1 e osteoartrosi in un gruppo di pazienti residenti in Liguria

Rovetta G. 1, Buffrini L. 1, Monteforte P. 1, Grignolo M. C. 1, Molfetta L. 2

1 Department of Endocrinology and Metabolism Sciences Rheumatological Center, Bruzzone Institute University of Genoa, Genoa, Italy
2 Department of Neuroscience Ophthalmology and Genetics Orthopaedic Clinic S. Martino Hospital, Genoa, Italy


PDF  


Obiettivo. L’osteoartrosi (OA) è un’artropatia degenerativa che determina il danno e la riduzione della cartilagine in una o più sedi articolari. Fattori genetici contribuiscono in modo sostanziale al rischio di malattia. La natura dell’influenza genetica nell’OA è speculativa e può riguardare un difetto strutturale oppure alterazioni della cartilagine o del metabolismo osseo. Studi sulla frequenza degli antigeni HLA in differenti gruppi di pazienti affetti da OA hanno condotto a risultati discordanti. Lo scopo di questo studio era la valutazione della prevalenza degli aplotipi HLA-DRB1 in 92 pazienti affetti da OA, afferenti al Centro Reumatologico dell’Università degli Studi di Genova.
Metodi. Novantadue pazienti (69 di sesso femminile, 23 di sesso maschile) affetti da OA sono stati arruolati e suddivisi in un gruppo con OA delle mani e in un gruppo con OA in differenti sedi articolari. Entrambi i gruppi sono stati confrontati con un gruppo di controllo costituito da 150 donatori di midollo italiani allo scopo di individuare l’eventuale prevalenza di uno o più alleli HLA di classe II che potessero rappresentare un fattore di rischio per I’OA. La significatività statistica fra i gruppi è stata valutata per mezzo della tavola di contingenza per il confronto delle frequenze (P<0,05 era considerato significativo).
Risultati. La frequenza della famiglie di alleli DRB1*12 e DRB1*10, non presenti nel secondo gruppo di studio, è stata confrontata soltanto fra iI primo gruppo di studio e il gruppo di controllo. GIi aplotipi *07 e *04 sono risultati presenti con maggior frequenza nel secondo gruppo di studio rispetto al primo gruppo e a quello di controllo. L’aplotipo *13 è più frequente nel primo e secondo gruppo. Gli aplotipi *11 e *13 sono più significativamente rappresentati nel gruppo di controllo.
Conclusioni. I risultati ottenuti con lo studio del locus HLA-DRB1 in pazienti affetti da OA residenti in Liguria può indurre una ricerca di un maggior numero di pazienti affetti da OA per confermare i dati ottenuti in questo studio e per definire gli aplotipi DRB1 come marker più frequenti sia nell’OA delle manio sia in quello delle altre sedi articolari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail