Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 April;97(2) > Minerva Medica 2006 April;97(2):123-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  FORUM SULLA SINDROME METABOLICA


Minerva Medica 2006 April;97(2):123-41

lingua: Italiano

Sindrome metabolica e ipertensione: prevenzione e trattamento

Bernardi R., Cosentino E. R., Borghi C.

Dipartimento di Medicina Clinica e Biotecnologia Applicata D. Campanacci Università degli Studi di Bologna, Bologna


PDF  


Dagli anni ’50 l’associazione di entità metaboliche che possono presentarsi correlate all’obesità viscerale nell’età adulta ha avuto molte differenti definizioni; tuttavia, ad oggi, ancora non esiste un documento di accordo comune che unifichi le varie definizioni di sindrome metabolica (SM).
Dopo anni di consensi e di ricerche atte a identificare e a soppesare il contributo in termini di predizione di eventi cardiovascolari dei singoli criteri della SM, negli ultimi mesi da molti Autori si è verificata un’inversione di tendenza con l’evidenziazione di numerosi punti di controversia riguardanti i vari elementi che caratterizzano la diagnosi di sm. Tra questi, uno dei più incerti è probabilmente l’ipertensione arteriosa. Esistono perplessità riguardo sia l’arbitrarietà dei cut off utilizzati, che differiscono a seconda della classificazione considerata, sia riguardo ai metodi di rilevazione, sia anche all’iperinsulinemia/resistenza all’insulina, che è presente solo nel 50-60% degli ipertesi. I dati a disposizione non riescono attualmente a dirimere tutti i dubbi in proposito, tuttavia, tra i numerosi studi recenti, alcuni sembrano correlare la presenza contemporanea di ipertensione e dislipidemia con aumento del rischio di eventi cardiovascolari.
I dati epidemiologici internazionali indicano, inoltre, come la prevalenza della sm differisca da popolazione e popolazione, e, all’interno di esse, tra soggetti di sesso opposto, suggerendo che esista la necessità di adattare i criteri diagnostici alle diverse etnie.
La prevenzione della sm si basa ad oggi ancora sulla modificazione degli stili di vita; il severo rischio di una pandemia in un prossimo futuro ha portato all’attenzione dell’ultima sessione dell’American Heart Association l’importanza della prevenzione e dell’eventuale trattamento precoce nelle fasce di età pediatriche che costituiscono una nuova classe di soggetti a rischio di eventi cardiovascolari anche precoci.
Il trattamento farmacologico è volto al controllo dei vari fattori di rischio, in particolare dell’ipertensione e del dismetabolismo. Gli ACE-inibori, i sartani e le statine si pongono attualmente ai primi posti dei farmaci di prima scelta nell’approccio terapeutico della sm.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail