Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 February;97(1) > Minerva Medica 2006 February;97(1):51-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2006 February;97(1):51-64

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Utilità del palloncino intragastrico nel modificare le abitudini di vita del paziente affetto da obesità severa, candidabile alla chirurgia bariatrica

Zago S., Kornmuller A. M., Agagliati D., B. Saber , Ferrari D., Maffeis P., Labate M., Bauducco E., Manghisi L., Martignone L., Spanu M., Rovera G. M.

Ospedale Valdese di Torino, ASL 1, Torino


PDF  


Obiettivo. Il modello terapeutico dell’Obesità Severa comprende la chirurgia bariatrica che rappresenta la via più sicura per il mantenimento del peso perduto e per la prevenzione delle ricadute. La selezione dei pazienti verso il tipo di chirurgia più idoneo implica un approccio di tipo multidisciplinare (nutrizionista, dietista, psicologo clinico, chirurgo). Il palloncino intragastrico (BIB) potrebbe rappresentare una metodica relativamente invasiva per aiutare l’èquipe a selezionare e preparare il paziente gravemente obeso alla chirurgia bariatrica restrittiva.
Metodi. Nel nostro studio abbiamo valutato 48 pazienti affetti da obesità severa: peso iniziale 111±14,8 kg, BMI 43±5,02, eccedenza ponderale 77,47±16,14% sottoposti a trattamento con palloncino intragastrico, riempito ad un volume di 500 cc per 6 mesi . Sono stati valutate le variazioni indotte dal trattamento con BIB sui parametri clinici, antropometrici, di intake alimentare e di ripartizione dei nutrienti e sui dati psicologici e psicometrici.
Risultati. Al termine del trattamento i pazienti presentavano una riduzione significativa dell’eccedenza ponderale: 67,35±20,19%, significativa riduzione del peso pari a 103,4±16,72 kg, riduzione significativa dell’ intake alimentare, non modificazioni degli item al test EDI2, ma importante rinforzo motivazionale al cambiamento dello stile di vita tra l’inizio ed il termine del trattamento, evidenti al follow-up medico, dietistico e psicologico clinico.
Conclusioni. Il BIB è uno strumento relativamente invasivo, può intervenire nel modificare il comportamento alimentare nel breve termine, inducendo decremento ponderale può aiutare alla riduzione del rischio anestesiologico e favorire il cambiamento comportamentale del paziente. Dalla nostra esperienza, il trattamento con BIB è utile sul piano educazionale può utilizzato per selezionare il paziente alla chirurgia bariatrica solo nel contesto di una èquipe multidisciplinare. Ulteriori studi clinici sono necessari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail