Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 February;97(1) > Minerva Medica 2006 February;97(1):47-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2006 February;97(1):47-50

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Role of Helicobacter pylori infection in peptic ulcer haemorrhage

Morgando A., Giordanino C., Baronio M., Pellicano R., Rizzetto M.

Department of Gastro-Hepatology Molinette Hospital, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Nonostante la vasta diffusione del trattamento endoscopico, il tasso di mortalità dovuto all’ulcera peptica complicata da emorragia (peptic ulcer haemorrhage, PUH) rimane elevato. L’infezione da Helicobacter pylori (H. pylori) e il consumo di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) ne rappresentano i 2 principali agenti causali ma la loro interazione è controversa. Scopo di questo studio è stato determinare la prevalenza sia dell’infezione da H. pylori sia del consumo di FANS e la loro rilevanza prognostica in soggetti con PUH.
Metodi. In uno studio prospettico sono stati inclusi 41 pazienti consecutivi (33 di sesso maschile, 8 di sesso femminile) ricoverati per PUH. Lo status H. pylori é stato indagato sia mediante ricerca sierica di anticorpi specifici, sia mediante istologia su biopsie gastriche prelevate un mese dopo l’evento emorragico. In caso di dubbio è stato associato o il test del respiro con urea marcata con 13C o la ricerca dell’antigene fecale. Tutti i pazienti sono stati trattati con terapia medica, combinata a trattamento endoscopico nei casi più severi.
Risultati. Sedici pazienti erano infettati da H. pylori (gruppo A), 12 avevano all’anamnesi l’assunzione di FANS (gruppo B) e 13 avevano entrambi (gruppo C). La durata mediana dell’ospedalizzazione era di 7 giorni per ogni gruppo e correlava con l’età (P<0,04). La severità della PUH (elevato rischio di risanguinamento) era più elevata nel gruppo A (13/16; 81%) e nel gruppo C (9/13; 69%), rispetto al gruppo B (6/12; 50%). Questa differenza non era significativa.
Conclusioni. Poiché l’infezione da H. pylori ha un ruolo predominante sia nel causare PUH che nella sua prognosi, ne consegue l’importanza di studiare lo status H. pylori in ogni paziente affetto da PUH.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail