Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 October;96(5) > Minerva Medica 2005 October;96(5):379-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2005 October;96(5):379-90

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Studio delle sottopopolazioni linfocitarie nelle connettiviti. II. La polimialgia reumatica: comportamento delle sottopopolazioni linfocitarie durante terapia con due diversi corticosteroidi

Coaccioli S., Pinoca F., Giuliani M., Sabatini C., Puxeddu A.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era determinare comportamento subset CD8+ e recettori solubili di CD8 e di IL-2 durante terapia con prednisone (PDN) e deflazacort (DFZ).
Metodi. Quarantotto pazienti (9 di sesso maschile, 39 di sesso femminile, età media 69,4(6,5 anni), affetti da polimialgia reumatica attiva (VES 74(18; PCR 12,4(2,6) sono stati divisi in 2 gruppi, trattati, rispettivamente, con PDN e con DFZ per un periodo di tempo non inferiore ai 6-8 mesi, e osservati per un anno. Le metodiche impiegate sono state immunofluorescenza indiretta con citofluorimetro ed ELISA.
Risultati. In basale, rispetto ai soggetti normali, erano diminuiti (P<0,05) CD4-/CD8+ (356(112/ml vs 564(132/ml), per riduzione (P<0,001) di CD8+bright (224(86/ml vs 426(124/ml) e di CD8+bright/CD57- (123(44/ml vs 256(58/ml); erano aumentati (P<0,001) sCD8 (514(123 U/ml vs 312(102 U/ml) e (P<0,005) sIL-2r (984(346 U/ml vs 244(58 U/ml). Gruppo-PDN: veniva registrata una significativa (P<0,001) riduzione di CD4-/CD8+ (466(102), di CD8+bright (302(74), di CD8+bright/CD57- (186(51), di sCD8 (418(96) e di sIL-2r (450(163) alla 1° settimana, con ritorno nei range di normalità al 1° mese. Gruppo-DFZ: al 6° mese si riscontrava normalizzazione: CD4-/CD8+ (497(133), CD8+bright (401(98), CD8+bright/CD57- (240(64), sCD8 (317(82); sIL-2r è (P<0,0005) più elevato rispetto al gruppo-PDN. Gruppo-PDN: VES <50 già alla 1° settimana, normalizzazione (14(7) al 3° mese; PCR, pari a 2,2(1,2 al 3° mese e a 1(0,8 al 6° mese, e al di sotto dell'unità nel periodo successivo. Gruppo-DFZ: la riduzione era meno veloce, con VES >20 (24(5) al 6° mese e PCR mai al di sotto dell'unità.
Conclusioni. Il PDN esercita un'azione più veloce e duratura rispetto a DFZ, che non sembra in grado di ristabilire un normale livello di sIL-2r e ciò potrebbe indicare, insieme a PCR, la persistenza di stimolazione flogistica e di attivazione immunologica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail