Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 October;96(5) > Minerva Medica 2005 October;96(5):373-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2005 October;96(5):373-8

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Walking and disability after rehabilitation in patients with cerebellar stroke

Gialanella B., Bertolinelli M., Monguzzi V., Santoro R.


PDF  


Obiettivo. L'obiettivo di questo studio è verificare se la presenza di lesioni extracerebellari influenza negativamente il recupero del cammino e le capacità funzionali dei pazienti con stroke cerebellare.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 43 pazienti. La selezione dei pazienti è stata fatta con TC e/o RMN. In base ai dati neuroradiologici i pazienti sono stati divisi in 2 gruppi: 1) un gruppo composto di 20 pazienti con stroke cerebellare isolato (gruppo C); 2) un gruppo composto di 23 pazienti con danno cerebellare ed extracerebellare (gruppo C+E). All'atto dell'ammissione allo studio e alla fine della terapia riabilitativa, tutti i pazienti sono stati valutati con trunk control test, scala di Lindmark e scala Ranchin. Prima della riabilitazione, i pazienti dei 2 gruppi non si differenziavano significativamente per disabilità, trunk control test e scala di Lindmark.
Risultati. Dopo la riabilitazione, i punteggi della scala Lindmark (P=0,022) e del trunk control test (P=0,015) dei pazienti del gruppo C erano significativamente più alti di quelli del gruppo C+E. La disabilità era più grave nel gruppo C+E (P=0,036). In questi pazienti la disabilità era assente nel 17,4%, moderata-lieve nel 47,8% e grave nel 34,8%. Nel gruppo C la disabilità era assente nel 40%, lieve-moderata nel 55% e grave nel 5%. La percentuale di miglioramento del cammino è stata 79,1% nel gruppo C e 57% nel gruppo C+E. Il miglioramento medio giornaliero del cammino è stato 0,13 nei soggetti del gruppo C e 0,07 nei soggetti del gruppo C+E. La percentuale di miglioramento (P=0,008) e il miglioramento giornaliero (0,008) del gruppo C era significativamente maggiore di quella del gruppo C+E.
Conclusioni. Lo studio dimostra che la presenza di lesioni extracerebellari influenza significativamente la prognosi riabilitativa del soggetto con stroke cerebellare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail