Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 October;96(5) > Minerva Medica 2005 October;96(5):331-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2005 October;96(5):331-42

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

The role of menopausal hormone therapy in preventing osteoporotic fractures: a critical review of the clinical evidence

Col N. F., Bowlby L. A., McGarry K.


PDF  


L'osteoporosi è una malattia comune che provoca ogni anno milioni di fratture potenzialmente prevenibili. Le donne sono colpite dall'osteoporosi in modo sproporzionato rispetto ai maschi, e i due principali fattori predisponenti a questa patologia sono rappresentati dall'età e dalla perdita della funzionalità ovarica. Per molti decenni la terapia sostitutiva ormonale in menopausa (TSOM) ha rappresentato il mezzo principale di prevenzione e di trattamento dell'osteoporosi nelle donne in menopausa. Mentre i recenti dati di studi clinici randomizzati hanno confermato quelli ottenuti da studi osservazionali sull'effetto protettivo nei confronti dell'osteoporosi della TSOM essi hanno anche evidenziato che la TSOM aumenta i rischi di cancro della mammella, di trombosi venosa, di ictus e di coronaropatia. Con le forti evidenze a favore del beneficio della TSOM nella prevenzione delle fratture osteoporotiche, la sfida per i medici non è se essa aiuti a prevenire tale tipo di fratture, ma se il beneficio di tale prevenzione sia superiore ai rischi che comporta. Con i diversi farmaci attualmente disponibili, che hanno un'efficacia paragonabile alla TSOM per quanto riguarda la prevenzione delle fratture, le decisioni terapeutiche per l'osteoporosi o l'osteopenia dovrebbero basarsi sulla densità della componente minerale dell'osso, sugli altri fattori di rischio per le fratture osteoporotiche e sull'attento esame dei rischi-benefici presenti in ogni opzione terapeutica.
Dopo una breve discussione sull'epidemiologia e la fisiopatologia dell'osteoporosi, abbiamo rivisto l'evidenza fornita dagli studi osservazionali e da quelli randomizzati che hanno preso in esame l'impatto della TSOM sull'osteoporosi. Ci siamo chiesti se vi fossero sottogruppi specifici di donne che avesse avuto un beneficio maggiore o minore dalla TSOM per quanto riguarda la riduzione delle fratture osteoporotiche. Abbiamo quindi allargato la nostra prospettiva per includere obiettivi clinici diversi dall'osteoporosi, prendendo in considerazione i principali rischi e benefici della TSOM. Tutte le donne dovrebbero essere informate su tutte le opzioni di trattamento alternativo e si dovrebbe metterle nelle condizioni di prendere una decisione terapeutica informata, a seconda dei loro rischi personali, preferenze, valori etici e disponibilità di tollerare i rischi del trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail