Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 August;96(4) > Minerva Medica 2005 August;96(4):247-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2005 August;96(4):247-60

lingua: Inglese

Antihypertensive drugs and the heart

Diamond J. A., Phillips R. A.


PDF  


L'obiettivo principale dell'attuale terapia anti-ipertensiva è di ottenere la diminuzione della pressione arteriosa con vari meccanismi. Una massa di dati suggerisce che questo riduce la morbidità cardiovascolare e la mortalità dovuta ad ictus, insufficienza cardiaca e, in modo meno importante, da cardiopatia ischemica. Le prime manifestazioni cardiache dell'ipertensione cronica, l'ipertrofia del ventricolo sinistro e i disturbi diastolici, costituiscono un rischio aggiuntivo per la morbidità cardiovascolare e la mortalità nei pazienti con ipertensione. La regressione della massa ventricolare che si ottiene con la terapia anti-ipertensiva è associata ad una migliorata funzionalità diastolica e alla riduzione globale degli eventi cardiovascolari e questo beneficio può essere indipendente dall'attuale abbassamento della pressione arteriosa. La terapia anti-ipertensiva dovrebbe perciò sia far diminuire la pressione arteriosa sia invertire specificamente i processi fisiopatologici che promuovono l'ipertrofia del ventricolo sinistro e le disfunzioni diastoliche. Le terapie emergenti soddisfano questo aspetto senza influenzare specificamente la pressione arteriosa. Di conseguenza, i trattamenti futuri per l'ipertensione possono richiedere una combinazione di farmaci che agiscono in modo complementare per far diminuire la pressione arteriosa e per invertire i processi fisiopatologici e genetici che provocano la cardiopatia ipertensiva. Questa revisione riassume gli approcci attuali ed emergenti al trattamento di soggetti con cardiopatia ipertensiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail