Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 Giugno;96(3) > Minerva Medica 2005 Giugno;96(3):207-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2005 Giugno;96(3):207-22

lingua: Inglese, Italiano

Emocromatosi ereditaria: dalla genetica alla clinica

Camaschella C., Merlini R.


PDF  


L'emocromatosi ereditaria è una tra le più comuni malattie genetiche autosomiche recessive nelle popolazioni caucasiche, in quanto il genotipo a rischio interessa 1 individuo su 200-400 nel Nord Europa. La malattia è caratterizzata da un aumentato assorbimento di ferro a livello intestinale che determina una precoce alterazione dei parametri marziali sierici e un progressivo accumulo del metallo nei diversi organi. L'eccesso di ferro provoca danno tissutale e fibrosi, determinando, infine, scompenso d'organo. I sintomi clinici sono correlati allo sviluppo di cirrosi epatica, scompenso cardiaco e/o aritmie, diabete mellito, ipogonadismo, artropatia, pigmentazione cutanea e suscettibilità all'epatocarcinoma. Le manifestazioni cliniche si evidenziano solo nei soggetti omozigoti. Gli eterozigoti possono presentare alterazioni ematochimiche del bilancio marziale, ma, in genere, non sono clinicamente affetti, a meno che non siano presenti altre condizioni che alterano il metabolismo del ferro, come epatopatie croniche, trait b-talassemico o altre anemie emolitiche. L'espressione fenotipica della malattia, comunque, è variabile anche nella stessa famiglia, potendo dipendere da geni modificatori oltreché da fattori ambientali. I recenti progressi della genetica e biologia molecolare hanno dimostrato che l'emocromatosi è una malattia eterogenea, in quanto può essere il risultato dell'inattivazione di geni diversi. L'identificazione delle mutazioni di HFE e degli altri geni implicati nella malattia ha permesso di sviluppare test molecolari che supportano il processo diagnostico e facilitano la diagnosi precoce, consentendo di migliorare anche la diagnostica differenziale nei confronti di altre patologie associate a sovraccarico marziale. Inoltre i progressi delle conoscenze ottenuti dallo studio dell'emocromatosi hanno contribuito a chiarire la problematica della regolazione del metabolismo del ferro. Per tale ragione l'emocromatosi viene oggi considerata un tipico esempio di medicina molecolare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail