Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 April;96(2) > Minerva Medica 2005 April;96(2):121-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Medica 2005 April;96(2):121-4

lingua: Inglese

Il presente e il passato di: «Cosa compiace il Signore: una storia aggiornata del concetto di placebo»

Gensini G. F., Conti A. A., Conti A.


PDF  


Nella tradizione ecclesiastica, nella preghiera di stampo medievale, il termine ''Placebo'' indicava la promessa di compiacere il Signore. L'espressione ''Placebo Domino'' (''Compiacerò il Signore'') era l'inizio di un famoso passaggio di una traduzione della Sacra Bibbia risalente al 5° secolo. Fu nella seconda meta del XVIII secolo che il termine Placebo divenne parte integrale del vocabolario medico-farmacologico e, infatti, il Lexicon di Quincy (1787) lo definì come un rimedio utilizzato più per compiacere le persone che per guarirle. Per secoli i placebo sono stati considerati alla stregua di preziose terapie ingannevoli e, sino al 1945, essi erano generalmente ritenuti un modo di gestione del paziente moralmente accettabile. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, per chiarire il loro ruolo reale, fu sottolineato chiaramente che era necessaria una valutazione critica della funzione dei placebo. A seguito di questo richiamo metodologico, negli anni successivi furono proposti diversi studi sui placebo e, nel 1955 HK Beecher pubblicò sulla rivista JAMA un lavoro dal titolo ''The Powerful Placebo'' (Il Potere del Placebo), nel quale egli concludeva che i placebo avevano un alto grado di efficacia terapeutica. I dati recenti evidenziano come, al contrario, i placebo non hanno effetto clinico importante e come dovrebbero essere chiaramente riconosciuti i limiti della loro applicazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail