Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 April;96(2) > Minerva Medica 2005 April;96(2):95-108

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2005 April;96(2):95-108

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Screening dell’epatocarcinoma

Leone N., Rizzetto M.


PDF  


L'epatocarcinoma (hepatocellular carcinoma, HCC) è una delle neoplasie più frequenti al mondo. I pazienti maggiormente a rischio sono rappresentati dai cirrotici, con un'incidenza annua di insorgenza di circa il 3% nei Paesi occidentali. La sopravvivenza media dei pazienti affetti da HCC varia tra 20 e i 30 mesi ed è legata, oltre che alla stadiazione locale della neoplasia, al grado di funzionalità epatica. Dalla revisione della letteratura abbiamo identificato diversi marcatori sierologici, urinari e radiologici utilizzati per la diagnosi precoce dell'HCC. Le informazioni disponibili sulla cinetica di crescita e sulla storia naturale della neoplasia consentono di fissare la periodicità dei programmi di screening a 6 mesi per i cirrotici e per i pazienti portatori di HBsAg con età superiore ai 35 anni; lo screening comprende l'utilizzo combinato dell'alfafetoproteina (AFP) e dell'ecografia (ultrasound, US). L'utilizzazione contemporanea della des-g-carbossi protrombina (DCP) e dell'AFP aumenta del 23% la sensibilità della diagnostica di laboratorio per l'HCC. L'elevata specificità della DCP permette, inoltre, di accrescere il numero di HCC tipizzabili senza l'uso di metodiche invasive.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail