Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 Febbraio;96(1) > Minerva Medica 2005 Febbraio;96(1):29-40

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2005 Febbraio;96(1):29-40

lingua: Inglese

Pathophysiology and therapy of chronic cough

Chung K. F.


PDF  ESTRATTI


La tosse costituisce un fondamentale meccanismo di difesa delle vie respiratorie e dei polmoni. I recettori per lo stimolo della tosse sono situati a livello della laringe e dell'albero tracheobronchiale e la loro attivazione è mediata principalmente dalle fibre A-d a rapido adattamento (irritative), sebbene possano contribuire anche altri recettori, come i recettori delle fibre C. A livello centrale si possono verificare fenomeni di plasticità e interazioni tra le vie che mediano il riflesso della tosse, ai fini di una sua accentuazione in caso di necessità. La presenza di un riflesso della tosse esacerbato, misurabile mediante la risposta alla capsaicina o all'acido citrico nei pazienti affetti da tosse cronica, indica che è avvenuto un processo di sensibilizzazione al riflesso della tosse. La causa più frequente di tosse acuta è costituita dal comune raffreddore, che solitamente si protrae per meno di 2 settimane. La tosse che persiste più a lungo può essere dovuta all'asma e alle sue varianti (tosse come variante dell'asma e bronchite eosinofila), alla rinosinusite (gocciolamento postnasale), al reflusso gastro-esofageo, alla bronchiectasia, alla bronchite cronica e alla terapia con farmaci inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina. La tosse persistente cronica può contribuire in misura significativa alla compromissione della qualità della vita. È necessario escludere i tumori bronchiali mediante una radiografia del torace. Il trattamento della tosse cronica comprende la ricerca e la correzione di ogni fattore causale a essa associato, con il risultato di ottenere talvolta il completo controllo della tosse. In una percentuale di pazienti, la tosse può essere di tipo idiopatico e resistente al trattamento. Con le sostanze antitussigene attualmente a disposizione, come il destrometorfano oppure la codeina si ottiene un controllo della tosse solo parziale. È possibile che verranno prodotti dei farmaci in grado di agire a livello dei recettori sensitivi, prevenendone la sensibilizzazione.

inizio pagina