Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2004 October;95(5) > Minerva Medica 2004 October;95(5):375-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

  IPERTENSIONE, DIABETE E NEFROPATIA


Minerva Medica 2004 October;95(5):375-84

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Chronic kidney disease and global cardiovascular risk in essential hypertension

Segura J., Campo C., Ruilope L. M.


PDF  


Linee guida recentemente pubblicate riconoscono l'importanza della nefropatia cronica nella stratificazione del rischio dei pazienti ipertesi. Nei pazienti ipertesi la ricerca della presenza di microalbuminuria e la valutazione del tasso di filtrazione glomerulare sono fondamentali per poter valutare adeguatamente il rischio cardiovascolare globale. Gli indici di alterata funzionalità renale (ad esempio microalbuminuria, aumento della creatininemia, diminuzione dei valori attesi della clearance della creatinina o proteinuria evidente) sono fattori predittori indipendenti di morbilità cardiovascolare e di mortalità. La presenza di più fattori di rischio associati sembra giustificare l'elevata morbilità cardiovascolare e mortalità osservata in pazienti con ipertensione essenziale e lievi alterazioni della funzionalità renale. L'aumentata prevalenza della nefropatia cronica nella popolazione generale e in quella ipertesa ci obbliga a riconoscerne l'importanza e ci dimostra la necessità di un approccio terapeutico integrato per proteggere pienamente e simultaneamente i sistemi renale e cardiovascolare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail