Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2004 October;95(5) > Minerva Medica 2004 October;95(5):357-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

  IPERTENSIONE, DIABETE E NEFROPATIA


Minerva Medica 2004 October;95(5):357-74

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Clinical insights into the diagnosis and management of renovascular disease. An evidence-based review

Bloch M. J., Basile J.


PDF  


La malattia renovascolare è un disturbo comune ma complesso, le cui cause più comuni sono la displasia fibromuscolare e l'aterosclerosi. Normalmente si presenta in 1 delle 3 forme: stenosi asintomatica dell'arteria renale, ipertensione renovascolare o nefropatia ischemica. L'indice clinico di sospetto rimane determinante nello sviluppo di una strategia diagnostica appropriata. Sebbene soggetta ad alcune limitazioni, la convenzionale angiografia con mezzo di contrasto è di norma considerata il gold standard nella conferma della diagnosi. In aggiunta, sono disponibili alcuni test non invasivi che possono aiutare nel prendere delle decisioni. Questi test si possono dividere in quelli che individuano la presenza anatomica di una stenosi e quelli che identificano le conseguenze funzionali dell'ostruzione dell'arteria renale. Non tutti gli studi sono appropriati per tutti i pazienti. Le opzioni di trattamento includono approcci medici, chirurgici o percutanei. Generalmente, nei pazienti con malattia fibromuscolare i risultati degli approcci chirurgici e percutanei sembrano migliori. Nei pazienti con malattia aterosclerotica, i dati sono meno incoraggianti, e sembra esserci un gruppo di pazienti che risponderà bene a una gestione medica. In questa review viene presentato i potenziali algoritmi diagnostici per la diagnosi e il trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail