Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2004 August;95(4) > Minerva Medica 2004 August;95(4):281-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

  SINDROME DELL'APNEA NOTTURNA


Minerva Medica 2004 August;95(4):281-90

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Sleep apnea and hypertension

Hoffmann M., Bybee K., Accurso V., Somers V. K.


PDF  


Le apnee ostruttive notturne rappresentano la forma più comune tra i disturbi respiratori nel sonno e tipicamente si associano all'obesità. Almeno 15 milioni di americani sono affetti da questa patologia. È verosimile che la sua prevalenza sia in aumento, in considerazione dell'attuale epidemia di obesità. Dati recenti confermano l'esistenza di un'associazione tra le apnee notturne e diverse patologie del sistema cardiovascolare: di conseguenza, è possibile che le apnee ostruttive notturne costituiscano un nuovo fattore di rischio per le coronaropatie, lo scompenso cardiaco, i disturbi del ritmo e l'ipertensione, indipendentemente dall'indice di massa corporea. Nella presente review, gli Autori analizzano le caratteristiche dell'associazione tra le apnee ostruttive notturne e l'ipertensione, illustrano i dati che suggeriscono un'interazione di tipo causale e discutono i possibili meccanismi fisiopatologici responsabili. Tra questi meccanismi figurano l'attivazione del sistema simpatico e del sistema renina-angiotensina-aldosterone, lo stress ossidativo e l'infiammazione a livello sistemico e a livello del distretto vascolare: tutti i meccanismi citati potrebbero collegare le apnee ostruttive notturne a un costante aumento della pressione arteriosa. Gli Autori presentano inoltre una review delle possibili strategie terapeutiche per i pazienti ipertesi con apnee ostruttive notturne.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail