Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2004 August;95(4) > Minerva Medica 2004 August;95(4):257-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  SINDROME DELL'APNEA NOTTURNA


Minerva Medica 2004 August;95(4):257-80

lingua: Inglese

Sleep apnea and congestive heart failure

Mansfield D. R., Naughton M. T.


PDF  


L'apnea notturna comprende 2 forme di disturbi respiratori nel sonno, vale a dire l'apnea notturna ostruttiva e l'apnea notturna centrale. Entrambe sono per lo più presenti in pazienti con scompenso cardiaco congestizio indipendentemente dal tipo di eziologia e patogenesi. Negli ultimi 15 anni si è assistito allo sviluppo di un consistente database di dati meccanistici che riguardano entrambe le patologie nel corso di disfunzioni cardiache in pazienti con scompenso cardiaco. I dati epidemiologici hanno anche evidenziato il fatto che l'apnea notturna di tipo ostruttivo può essere un fattore di rischio indipendente dallo sviluppo di patologie cardiache. Al contrario, l'apnea notturna di tipo centrale si manifesta più di frequente come conseguenza di una grave disfunzione cardiaca ma, attraverso un circolo vizioso elaborato, può potenzialmente sfociare in una maggiore attività simpatetica e contribuire a un ulteriore aggravarsi della condizione cardiaca.
Negli ultimi anni da numerosi trial controllati randomizzati emerge che effetti secondari come sintomi, eccitazione del sistema nervoso simpatico e la funzione ventricolare sinistra possono trarre beneficio da terapie efficaci nei pazienti affetti da apnea sia ostruttiva che centrale laddove tali condizioni coesistono. Sono in arrivo anche i dati sulla mortalità ed è alle sue fasi conclusive il primo trial su larga scala che valuta l'effetto della diminuzione dell'apnea notturna centrale con pressione respiratoria positiva continua in pazienti con scompenso cardiaco congestizio di grado lieve o severo. In questa review vengono presi in considerazione i più significativi studi da un punto di vista meccanicistico, epidemiologico e interventistico riguardanti l'apnea notturna e lo scompenso cardiaco congestizio con alcuni spunti di riflessione sulle prospettive future di questo campo in rapida crescita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail