Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2004 April;95(2) > Minerva Medica 2004 April;95(2):159-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Medica 2004 April;95(2):159-64

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

“Falling leaves”: a survey of the history of apoptosis

Formigli L., A. Conti A., Lippi D.


PDF  


La morte cellulare è stata a lungo definita attraverso criteri morfologici. Un primo concetto chiave, quello di necrosi, fu inizialmente descritto da Areteo di Cappadocia e da Galeno. Il termine apoptosi è stato introdotto da Kerr nel 1972 per indicare una particolare forma di morte in cui le cellule commettono suicidio esitando in corpi apoptotici legati alle membrane. L'apoptosi si distingue dalla necrosi, o morte cellulare accidentale, che è caratterizzata da autolisi nucleare e da disintegrazione cellulare. L'obiettivo di questo studio è stato tracciare un percorso storico dei concetti di apoptosi e di necrosi, a partire dalla prima definizione strutturata di morte cellulare, formulata da Rudolph Virchow nel 1859. In anni recenti sono stati compiuti progressi fondamentali nella comprensione della morte cellulare apoptotica e necrotica. In particolare, gli studiosi di morte cellulare hanno elaborato un cambiamento di paradigma, passando da quello che considera l'apoptosi e la necrosi forme distinte di exitus cellulare, a quello in cui le 2 modalità di morte cellulare condividono aspetti comuni e vengono considerate parti integranti dello stesso processo di morte cellulare. Poiché l'apoptosi pura e la necrosi pura sono solo gli estremi di uno spettro continuo di risposta aponecrotica, è proprio la commistione di aspetti associati sia con l'apoptosi che con la necrosi a rappresentare la risposta tissutale e cellulare più tipica agli stimoli lesivi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail