Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2004 Aprile;95(2) > Minerva Medica 2004 Aprile;95(2):143-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2004 Aprile;95(2):143-52

lingua: Italiano

L'indice medico di non autosufficienza: validazione e comparazione con le scale ADL e IADL

Zanocchi M., Ponzetto M., Francisetti F., Maero B., Giona E., Amati D., Nicola E., Corsinovi L., Cerrato F., Luppino A., Margolicci A., Molaschi M., Fabris F.


PDF  


Obiettivo. Scopo del presente studio è stata la validazione dell'indice medico di non autosufficienza (dependence medical index, DMI), strumento di valutazione di non autosufficienza per ragioni mediche nell'anziano.
Metodi. Sono stati esaminati 1054 soggetti di età >:=65 anni (età media 77,5±8,21 anni) ricoverati consecutivamente negli anni 2000/2001 presso la Divisione Universitaria di Geriatria, Ospedale Molinet-te di Torino. Di questi, 356 risultavano dipendenti alle scale ADL e IADL. Sono state individuate alcune condizioni (15 in totale) determinanti la dipendenza per ragioni sanitarie, quali deficit stenici e/o di movimento, disturbi del linguaggio e/o comunicazione, confusione, incontinenza, piaghe da decubito, deficit sensoriali visivi e/o uditivi, presenza di patologie croniche in compenso labile, malattie in fase terminale (decesso previsto entro 6 mesi), necessità di terapie multiple e complesse. Le relazioni tra i criteri del DMI e la non autosufficienza sono state studiate mediante l'analisi discriminante. I valori discriminanti di ciascuna condizione considerata sono stati successivamente utilizzati per costruire una scala.
Risultati. Il modello discriminante del DMI è stato validato usando il metodo statistico di cross-validazione: la sua applicazione ha permesso di classificare correttamente il 73,1% dei pazienti. Il DMI ha permesso di classificare i soggetti dipendenti in percentuali variabili: dal 67% (per punteggi >:=1 al DMI) al 90% (punteggi >:=7 al DMI). Il miglior rapporto tra sensibilità e specificità è stato ottenuto con un punteggio di 4 alla scala DMI.
Conclusioni. Crediamo che il DMI sia un valido e attendibile strumento per la misurazione e la valutazione della non autosufficienza per ragioni mediche nell'anziano.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail