Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 Ottobre;94(5) > Minerva Medica 2003 Ottobre;94(5):347-52

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236

 

Minerva Medica 2003 Ottobre;94(5):347-52

 ARTICOLI ORIGINALI

L'ecografia nel Dipartimento di Emergenza: impatto sulla gestione del malato e analisi costo-efficacia

Vairo G., Salustri A., Trambaiolo P., Pagnanelli A., Marini Grassetti M.

Obiettivo. L'ecografia è la metodica più utilizzata per la valutazione non invasiva dei vari organi e apparati. Tuttavia, la fattibilità e i potenziali vantaggi dell'uso dell'ecografia da parte del medico d'emergenza non sono stati completamente esplorati. Abbiamo quindi voluto valutare l'impatto di questa metodica, eseguita direttamente dal medico d'emergenza, sulla gestione del malato nel Dpartimento d'Emergenza (DEA), sui tempi di degenza e sui relativi costi.
Metodi. Attraverso la consultazione del data-base del DEA del nostro ospedale, abbiamo selezionato 111 pazienti giunti alla nostra osservazione e suddivisi in 3 gruppi in base alla sede della sintomatologia: Gruppo A, dolore all'ipocondrio destro; Gruppo B, dolore al fianco; Gruppo C, dolori addominali e instabilità emodinamica. Inoltre, i pazienti dei 3 gruppi sono stati suddivisi, a seconda del medico che ha eseguito l'ecografia, in 3 sottogruppi: medico d'urgenza, medico radiologo, pazienti che non hanno eseguito l'ecografia. Per ogni gruppo sono stati calcolati il tempo medio di degenza in DEA, la frequenza delle complicanze, la frequenza delle recidive (definite come ritorno in DEA per la medesima patologia) e i relativi costi.
Risultati. Dei 111 pazienti esaminati, 76 sono stati sottoposti a ecografia e 43 di questi sono stati valutati direttamente dal medico d'emergenza. I tempi di degenza dei 43 pazienti sottoposti a ecografia in DEA sono stati inferiori, sia rispetto ai pazienti non sottoposti a ecografia, sia rispetto ai pazienti sottoposti a ecografia da parte del radiologo. Le recidive sono state più frequenti nei pazienti non sottoposti a ecografia. Infine, i costi sono risultati inferiori nel gruppo dei pazienti sottoposti a ecografia da parte del medico d'urgenza (20 Euro vs 38 Euro dei pazienti sottoposti a ecografia da parte del radiologo).
Conclusioni. L'utilizzo dell'ecografia da parte del medico d'emergenza riduce i tempi di degenza dei pazienti in DEA, riduce le recidive e le complicanze della medesima patologia e riduce i costi di gestione.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina