Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 August;94(4) > Minerva Medica 2003 August;94(4):251-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2003 August;94(4):251-8

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

The antihypertensive response to irbesartan treatment from a pharmacogenetic perspective

Kurland L.


PDF  


La malattia coronarica è la causa principale di mortalità nel mondo occidentale. Circa la metà delle persone colpite da infarto per la 1° volta e 2/3 di quelle colpite da accidenti cerebrovascolari per la 1° volta presentano alti livelli di pressione arteriosa. L'iper-tensione colpisce circa il 25% della popolazione adulta. Il trattamento dell'ipertensione e dei fattori a rischio che contribuiscono alle malattie cardiovascolari può ridurre sia la mortalità che la morbidità. Molti farmaci sono efficaci nel trattamento dell'ipertensione, ma la risposta individuale a tali terapie varia notevolmente e non può essere prevista con i metodi oggi in uso. Fattori genetici determinano dal 30% al 60% della variazione della pressione arteriosa e anche la variabilità della risposta alla terapia farmacologia è in parte ereditaria, il che mette in causa la prospettiva farmacogenetica. In questa review si fornisce un quadro farmacogenetico generale e si presentano i risultati dei più recenti studi farmacogenetici sull'effetto dell'antagonista dell'angiotensina II di tipo 1 nel trattamento dell'ipertensione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail