Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 August;94(4) > Minerva Medica 2003 August;94(4):229-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2003 August;94(4):229-50

lingua: Inglese

Arterial pressure waveforms in hypertension

O'Rourke M. F.


PDF  


La misurazione, nell'ipertensione, delle onde di pressione arteriosa, migliora la conoscenza della malattia di base e dei suoi meccanismi, in quanto fornisce tutte le informazioni riguardanti l'onda di pressione e non solo i suoi limiti estremi (pressioni arteriose sistolica e diastolica), misurati con lo sfigmomanometro a livello dell'arteria brachiale. Tali studi risollevano l'uso della sfigmografia, impiegata nella pratica clinica e negli esami per le assicurazioni sulla vita, prima dell'introduzione, nel 1896, dello sfigmomanometro a bracciale da parte di Riva-Rocci. I progressi attuali includono l'uso accurato di tonometri elettronici per la registrazione della pressione arteriosa, l'applicazione della conoscenza della trasmissione dell'onda sfigmica nell'arto superiore e l'uso di tecniche informatiche per l'elaborazione, la registrazione e il recupero dei dati. Attualmente è possibile determinare l'onda di pressione aortica e, di conseguenza, la pressione ventricolare sinistra durante la sistole, con un'accuratezza che è limitata unicamente dall'imprecisione dello sfigmomanometro a bracciale.
L'applicazione clinica di tali metodiche aiuta a riconoscere la falsa ipertensione arteriosa come una condizione che non necessita di alcun trattamento e a classificare la gravità della condizione patologica sulla base di un certo valore di pressione sistolica e diastolica. Essa permette inoltre di adattare la terapia farmacologica alla patologia di base, rappresentata dall'aumento delle resistenze periferiche o dall'aumento della rigidità della parete delle grandi arterie elastiche. Le informazioni ottenute aiutano inoltre a formulare il giudizio prognostico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail