Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 Giugno;94(3) > Minerva Medica 2003 Giugno;94(3):135-40

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236

 

Minerva Medica 2003 Giugno;94(3):135-40

 REVIEW

L'epcidina: un peptide chiave nel metabolismo del ferro

Cardarelli G., Anatra G. M.

L'epcidina (hepatic bactericidal protein) è una proteina, sintetizzata dall'epatocita appartenente alla famiglia dei peptidi antimicrobici endogeni. Essa è prodotta in maggior quantità nel fegato, cuore e midollo spinale ed è eliminata con le urine dal rene.
Tale proteina, sequenziata sul cromosoma umano 19, si ritrova espressa in due forme principali: Hepc 20 e Hepc 25 rispettivamente di 20 e 25 aminoacidi con 8 residui di cisteina connessi da ponti disolfuro.L'esposizione dell'epatocita al lipopolisaccaride, e le altre concentrazioni di ferro legato alla transferrina sono elementi in grado di stimolare la produzione e il rilascio di epcidina. Quest'ultima, mediante l'interazione con il complesso b-2microglobulina-HFE-TfR1 determina una ritenzione di ferro da parte dei macrofagi del sistema reticolo-endoteliale e l'assorbimento di tale elemento da parte degli enterociti delle cripte duodenali.L'epcidina pertanto risulta essere una importante molecola implicata nella regolazione dell'omeostasi del ferro e svolge un ruolo di primo piano nella etiopatogenesi dell'emocromatosi sistemica e, così come recentemente evidenziato, dell'anemia nelle malattie infiammatorie croniche.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina