Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 Febbraio;94(1) > Minerva Medica 2003 Febbraio;94(1):41-50

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236

 

Minerva Medica 2003 Febbraio;94(1):41-50

 ARTICOLI ORIGINALI

Le cadute nell'anziano

Gareri P., Pantusa A., Rocca F., Ruotolo G., Galasso D., De Sarro G.

Le cadute sono tra le principali cause di morte accidentale e di disabilità nella popolazione anziana, in quanto possono determinare fratture, soprattutto di femore e numerose complicanze ad esse correlate. Le stime di incidenza attuali a nostra disposizione sono sicuramente per difetto, in quanto spesso le cadute non sono riferite né dal paziente, né dai familiari o comunque dal personale di assistenza. I fattori di rischio per le cadute nei soggetti anziani possono essere distinti in intrinseci ed estrinseci. Tra i primi sono incluse le patologie muscolari ed osteoarticolari o altre affezioni morbose e condizioni favorenti; i secondi comprendono l'ambiente o fattori iatrogeni come il consumo di farmaci o alcool, cioè fattori sui quali si può intervenire con successo in quanto possono essere anche rapidamente modificati. La prevenzione delle cadute costituisce il principale intervento che il geriatra in special modo deve preoccuparsi di fare attuare, sia che il soggetto a rischio sia al proprio domicilio, che in ospedale o in residenza protetta. In alcuni casi può essere sufficiente l'interruzione della somministrazione o la riduzione dei dosaggi dei farmaci che causano ipotensione ortostatica o sedazione, evitare nei limiti del possibile i sedativo-ipnotici, utilizzare metodiche non farmacologiche per combattere l'insonnia. L'introduzione di opportune modifiche nell'ambiente in cui vive l'anziano, la promozione di una minima attività fisica, l'individuazione di soggetti a rischio di caduta e l'impiego di cuscinetti protettivi per l'anca rappresentano utili strumenti di prevenzione per evitare le conseguenze, a volte gravi, delle cadute.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina