Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 February;94(1) > Minerva Medica 2003 February;94(1):29-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2003 February;94(1):29-40

lingua: Italiano

Valutazione dell'adesione alle linee guida per il trattamento farmacologico del paziente asmatico attraverso la somministrazione di un questionario in farmacia

Bonanni G., Saso L.


PDF  


Obiettivo. Diversi studi dimostrano che l'adesione alle linee guida (LG) per il trattamento del paziente asmatico è scarsa, ma solo pochi tra questi sono stati effettuati attraverso le farmacie che pure sono un punto di osservazione privilegiato. Pertanto, abbiamo deciso di studiare questo fenomeno attraverso la somministrazione di un questionario (Q) in farmacia.
Metodi. Un Q è stato elaborato e somministrato a 138 pazienti-clienti di due farmacie private di Roma.
Risultati. La gravità dell'asma è stata stabilita in questo studio in base alla frequenza dei sintomi diurni e notturni prima della terapia secondo il noto processo a gradini raccomandato dalle LG. Sono stati evidenziati ben 90 schemi terapeutici diversi, mentre quelli previsti dalle LG, sintomatici e di fondo per i 4 livelli di gravità, sono solo 19. In particolare, molti di essi prevedevano l'impiego di antistaminici e di mucoregolatori, farmaci non raccomandati dalle LG per l'asma, mentre altri non contemplavano glucocorticoidi quali farmaci di fondo.
Conclusioni. L'analisi degli effetti della terapia sulla sintomatologia diurna e notturna e le interferenze della malattia con le attività scolastiche e lavorative, ha rivelato che il controllo dell'asma era in molti casi inadeguato, probabilmente a causa della scarsa adesione degli schemi terapeutici alle LG. In conclusione, questo studio pilota, che pure possiede diversi limiti metodologici (bassa numerosità del campione esaminato, ristretta area geografica, piccolo numero di farmacie coinvolte, uso di un Q per acquisire dati difficilmente valutabili in maniera oggettiva dal paziente) conferma l'importante ruolo della figura del farmacista nella verifica dell'adesione dei trattamenti farmacologici alle LG

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail