Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2002 October;93(5) > Minerva Medica 2002 October;93(5):419-36

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

NUOVE TECNOLOGIE  


Minerva Medica 2002 October;93(5):419-36

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

RDW: nuovo test per lo screening del morbo celiaco?

Guglielmi V., Manchisi M., Pellegrini V., Tutino M., Guerra V.


PDF  


Obiettivo. Nonostante la presenza di numerosi esami per lo screening del morbo celiaco, esso può sfuggire a una diagnosi tempestiva. Per tale motivo abbiamo voluto vedere se semplici anomalie ematochimiche (che fanno ormai parte degli esami di routine eseguiti durante la degenza) possono rendere la diagnosi più pronta o quantomeno far nascere il sospetto di malattia celiaca.
Metodi. Retrospettivamente, dei 21 pazienti adulti, ricoverati per la prima volta presso il nostro ospedale, a cui veniva fatta diagnosi di morbo celiaco, abbiamo considerato emoglobina, sideremia, calcemia, potassiemia, albuminemia e RDW (parametro che fa parte del normale esame emocromocitometrico).
Risultati. Abbiamo trovato che l'RDW elevata è risultata l' anomalia più frequente (67% dei pazienti) tra i sei parametri ematochimici osservati. Inoltre essa si normalizza nella maggior parte dei pazienti che seguono la dieta aglutinata.
Conclusioni. L'RDW elevata è risultata più frequente dell'anemia sideropenica nei pazienti con morbo celiaco. Inoltre l'RDW è indice della risposta alla dietoterapia in quanto si normalizza dopo dieta priva di glutine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail