Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2002 Giugno;93(3) > Minerva Medica 2002 Giugno;93(3):199-202

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna

Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4806

Online ISSN 1827-1669

 

Minerva Medica 2002 Giugno;93(3):199-202

 ARTICOLI ORIGINALI

The assessment of quality of life as a measure of gold salts treatment efficacy in rheumatoid arthritis

Fumagalli M., Incorvaia C., Nitti F., Broggini M., Baratelli E., Balzarini P., Galvani L., Romagnoni G. G.

Obiettivo. Nella valutazione della riserva funzionale globale dei pazienti affetti da artrite reumatoide (ARA) viene attualmente considerata importante la cosiddetta qualità di vita riferita allo stato di benessere in quanto in questa definizione sono compresi vari aspetti: sociali, psicologici e fisici. Abbiamo utilizzato lo Stanford Health Assessment Questionnaire (HAQ) per valutare i miglioramenti della riserva funzionale globale in pazienti affetti da ARA dopo terapia con sali di oro.
Metodi. Novantuno pazienti con ARA in stadio anatomico I, II o III, 66 di sesso femminile e 25 di sesso maschile, con un'età media di 53,17 anni, furono valutati in maniera prospettica durante un periodo di terapia della durata di 12 mesi. Il trattamento comprendeva aureotiosolfato sodico, corticosteroidi e antinfiammatori non steroidei. I pazienti vennero sottoposti a valutazione, in occasione della prima visita ambulatoriale e a distanza di 6 e 12 mesi dall'inizio della terapia, mediante l'HAQ e altri parametri (Ritchie Index, visual analog scale e rigidità al risveglio). Un secondo gruppo di 19 pazienti con ARA, reclutati in base ai medesimi criteri, venne trattato solo con corticosteroidi e antinfiammatori non steroidei, e utilizzato come controllo nei primi 6 mesi dell'indagine.
Risultati. Il punteggio dell'HAQ e gli altri parametri risultarono significativamente inferiori (p=0,0001) al VI e al XII mese di trattamento, rispetto ai dati di partenza. Nel gruppo di controllo venne riscontrata una differenza significativa solo nella visual analog scale.
Conclusioni. Tutti i parametri da noi utilizzati si sono dimostrati in grado di identificare i miglioramenti ottenuti nei pazienti con ARA dopo terapia con aureotiosolfato sodico, corticosteroidi e antinfiammatori non steroidei, ma l'HAQ fornisce un indice più adeguato di valutazione globale dello stato di salute del paziente.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina