Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2001 Agosto;92(4) > Minerva Medica 2001 Agosto;92(4):245-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2001 Agosto;92(4):245-50

lingua: Italiano

Il trattamento della leishmaniosi viscerale

Foti G.


PDF  


Obiettivo di questo contributo è una rassegna delle più importanti opzioni terapeutiche nella leishmaniosi viscerale.
Gli antimoniali pentavalenti rimangono i farmaci di primo impiego nonostante la tossicità e la diffusa resistenza.
Tra le altre opzioni terapeutiche si rileva l'importanza dell'amfotericina B in formulazione lipidica che rappresenta una valida risorsa nella coinfezione leishmania-HIV nei Paesi dell'Europa mediterranea; rimane, invece, improponibile, per l'elevato costo, nei Paesi in via di sviluppo.
Sono, inoltre, esaminate le caratteristiche di altri farmaci: pentamidina, aminosidina, miltefosine, allopurinolo, ketoconazolo, gamma interferone; tali opzioni assumono diversa validità nelle differenti realtà geografiche.
Tra questi, interessanti risultati sono stati segnalati con il miltefosine sia per l'efficacia sia per la praticità di impiego.
Si sottolinea, infine, l'importanza di una strategia vaccinale nei Paesi ad alta endemia ed in condizioni economiche di sottosviluppo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail