Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2001 Giugno;92(3) > Minerva Medica 2001 Giugno;92(3):145-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2001 Giugno;92(3):145-50

lingua: Italiano

Il ruolo della tetraciclina nel ritrattamento dopo fallita eradicazione dell'Helicobacter pylori

Auriemma L., Signorelli S.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro è stato di verificare gli effetti di una seconda linea terapeutica che comprendesse la tetraciclina in pazienti con infezione da Helicobacter pylori (H. pylori) dopo un primo fallito tentativo terapeutico con un inibitore della pompa protonica, l'omeprazolo (O), l'amoxicillina (A) e la claritromicina (C) oppure, in luogo di quest'ultima, il metronidazolo (M).
Metodi. Trecentuventicinque pazienti, mai trattati in precedenza per una infezione da H. pylori (146 maschi, 179 femmine, media 50 anni, range 18-76), sono stati randomizzati a ricevere una terapia per 1 settimana e per 2 volte al giorno con omeprazolo (O) 20 mg, amoxicillina (A) 1 g, claritromicina (C) 500 mg (OAC7 163 pazienti), oppure O 20 mg, A 1 g, M 500 mg (OAM7 162 pazienti). L'infezione da H. pylori è stata determinata prima della terapia con l'istologia e 3 mesi dopo la fine del trattamento con C-13 urea breath test (UBT). Quando non si ottenne l'eradicazione, i pazienti furono ritrattati per un'altra settimana con OTA7: O 20 mg b.i.d., T 500 mg t.i.d. e A 1 g b.i.d. La presenza dell'H. pylori fu verificata mediante C-13 UBT 3 mesi dalla fine del ritrattamento. L'analisi statistica è stata determinata con i tests del c2 e del «t»-Student.
Risultati. Trecentodieci pazienti hanno completato lo studio con una compliance > del 95%: 15 pazienti hanno manifestato effetti collaterali ( diarrea, nausea, orticaria, dolori addominali); 9 del gruppo OAM7 e 6 del gruppo OAM7. Dopo il primo trattamento, l'eradicazione è stato ottenuta in 124/154 pazienti (89,5%) (PP) nel gruppo OAC7 e 123/156 pazienti (78,8%) (PP) nel gruppo OAM7 (NS). 49/63 (77,7%) dei pazienti erano negativi dopo il ritrattamento con OTA7.
Conclusioni. Nella nostra esperienza la compliance alla terapia è stata eccellente. La percentuale di eradicazione dopo la prima settimana di terapia con OAC7 o con OAM7 è stata soddisfacente. La terapia con OTA7 ha ottenuto l'eradicazione nel 77.7% dei pazienti ritrattati. Questo sembra essere un risultato promettente, nella pratica clinica, dopo un prima eradicazione fallita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail