Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2000 Maggio-Giugno;91(5-6) > Minerva Medica 2000 Maggio-Giugno;91(5-6):99-104

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2000 Maggio-Giugno;91(5-6):99-104

lingua: Italiano

Prognosi dei pazienti con ictus sottoposti ad intubazione e ventilazione meccanica

Magi E., Recine C., Patrussi L., Becattini G., Nannoni S., Gabini R.


PDF  


Obiettivo. Determinare l'esito dei pazienti con ictus che richiedono l'intubazione e la ventilazione meccanica. Metodi. Disegno: analisi retrospettiva dei dati relativi a 33 pazienti con ictus intubati alla presentazione in ospedale e non richiedenti neurochirurgia o angiografia. Ambiente: Unità di terapia intensiva (TI) di un ospedale non universitario. Interventi: nessuno. Misure: l'età media (DS) era 73,3 (7,7), min 46 max 87, i maschi erano 18 e le femmine 15, la media della Glasgow coma scale (GCS) (min-max) era 4,5 (3-8).Risultati. La mortalità intraospedaliera nei pazienti intubati è stata 78,7% (26/33), la mortalità in TI è stata 69,69% (23/33). Nei sopravvissuti: infarti/emorragie (ISC/EM) sono stati 4/3, età media (DS) 75,2 (5,6), maschi/femmine 4/3, Glasgow coma scale (GCS) media (min-max) 5,2 (3-7), giorni in TI media (DS) 18 (20,2). Nei deceduti: ISC/EM sono stati 10/16, età media (DS) 72,8 (8,2), maschi/femmine 14/12, GCS media (min-max) 4,3 (3-8), giorni in TI media (DS) 5,5 (8). La differenza fra i due gruppi era significativa (p<0,05) solo per la degenza in TI. Abbiamo osservato l' evoluzione a morte cerebrale in 10 casi (30,3%).Conclusioni. La prognosi dei pazienti con ictus intubati e ventilati alla presentazione in ospedale per deterioramento è severa ma la sopravvivenza osservata è sufficiente a giustificare questo trattamento anche nei casi non richiedenti altre procedure invasive come neurochirurgia o angiografia. Una frazione significativa dei pazienti con ictus costituisce parte del pull dei potenziali donatori d'organo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail