Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 1999 April;90(4) > Minerva Medica 1999 April;90(4):123-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 1999 April;90(4):123-32

lingua: Italiano

Patologie epatiche e pancreatiche in pazienti con sindromi da immunodeficienza acquisita (AIDS)

Danesi G., Pianta P., Mastroianni A., Cicognani C., Cristoni L., Sama C.


PDF  


L'AIDS frequentemente esordisce con sintomi gastrointestinali ed addominali; inoltre i pazienti con AIDS o ARC presentano frequentemente manifestazioni epatiche e biliari, mentre le alterazioni pancreatiche risultano presenti nel 4-30% dei pazienti ospedalizzati per AIDS. I pazienti con AIDS, essendo immunodepressi, sono soggetti a malattie opportunistiche spesso multifocali ed inoltre i processi morbosi possono essere presenti contemporaneamente. Circa 2/3 dei pazienti presenta epatomegalia, steatosi epatica, splenomegalia, linfoadenopatie, anomalie colecistiche e delle vie biliari, anomalie dei test di funzionalità epatica e discomfort addominale al quadrante superiore destro. L'ittero è raro. L'insufficienza epatica non è un evento comune. La biopsia epatica è spesso necessaria per effettuare la diagnosi. La localizzazione epatica di un agente patogeno opportunista è generalmente testimonianza di una disseminazione sistemica, che si manifesta come epatite granulomatosa (micobatteri atipici, frequentemente Mycobacterium avium, o M. tuberculosis come riattivazione di malattia latente), peliosi epatica, infezioni da CMV, HSV, EBV, Pneumocystis carinii ed infezioni micotiche. Sono spesso presenti inoltre coinfezioni con i virus delle epatiti (HBV, HDV, HCV) oppure danni farmacologici (prevalentemente dovuti a terapie con antibiotici). Rare sono le neoplasie (sarcoma di Kaposi epatico, associato a manifestazioni cutanee e gastrointestinali, o linfomi generalmente metastatici). Il danno del tratto biliare è generalmente tardivo rispetto ad altre manifestazioni della malattia, e si manifesta con sindromi colestatiche e colangiti, mentre rare sono le colecistiti e l'ittero. Le lesioni pancreatiche sono generalmente asintomatiche e diagnosticate in corso di autopsia; la causa principale sono i patogeni opportunisti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail