Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2015 Ottobre;67(5) > Minerva Ginecologica 2015 Ottobre;67(5):405-12

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2015 Ottobre;67(5):405-12

 ORIGINAL ARTICLES

Counseling per l’utilizzo di folati nella gravidanza

Guaraldi C. 1, Costantino M. 2, Costantino D. 3

1 Reparto di Ostetricia e Ginecologia, Ospedale di Valdagno, Vicenza, Italia;
2 Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, Università degli Studi di Ferrara, Ferrara, Italia;
3 Centro Salute Donna, Azienda AUSL Ferrara, Ferrara, Italia

OBIETTIVO: In ginecologia, l’importanza dell’adeguato apporto di folati nel periodo periconcezionale e gestazionale, allo scopo di diminuire il rischio di patologie materno-fetali come i difetti del tubo neurale (DTN), è ampiamente riconosciuta, tanto che in Italia la supplementazione con folati (0,4 o 4-5 mg/giorno, secondo fabbisogno) in donne gravide o che pianificano una gravidanza è fortemente raccomandata. Ciò nonostante, recenti indagini rivelano la scarsa consapevolezza nelle donne dell’importanza della supplementazione, soprattutto nel periodo periconcezionale. Sulla base di queste considerazioni, è stato svolto un sondaggio su donne in gravidanza con l’obiettivo di analizzare la conoscenza del ruolo dei folati in ginecologia e l’effettivo ricorso alla supplementazione.
METODI: Tra gennaio ed ottobre 2014 sono state intervistate 650 donne gravide, utilizzando un questionario con domande chiuse e semichiuse.
RISULTATI: L’ertà media delle donne intervistate era 32,8 (±2,9). I risultati dell’indagine mostrano che un significativo numero di donne era a conoscenza dei benefici dell’acido folico in gravidanza (circa 70%) e ne ha fatto uso durante il periodo gestazionale (89,8%), mentre è risultato inadeguato il ricorso alla supplementazione nel periodo periconcezionale, a cui ha fatto riscorso soltanto il 16,9% delle donne, e a volte con dosaggio inferiore a quello raccomandato.
CONCLUSIONI: Il grado di consapevolezza e il ricorso a un’efficace supplementazione potrebbero essere favoriti da campagne di informazione presso i MMG e gli specialisti di ostetricia/ginecologia, da interventi di counseling periconcezionale e prenatale a scopo informativo, e di risk assessment per la scelta della tipologia e del dosaggio di folati più opportuni.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina