Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2014 Giugno;66(3) > Minerva Ginecologica 2014 Giugno;66(3):281-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2014 Giugno;66(3):281-91

lingua: Italiano

Ruolo del D-chiro-inositolo nelle alterazioni del metabolismo glucidico in gravidanza

Costantino D. 1, Guaraldi C. 2

1 Centro Salute Donna, USL Ferrara, Ferrara, Italia;
2 Reparto di Ostetricia e Ginecologia, Ospedale di Valdagno, Vicenza, Italia


PDF  


La recente esplosione epidemiologica del diabete ha amplificato le problematiche riguardanti le varie complicanze legate alla malattia e alla sua complessa gestione sanitaria. Tra questi problemi, quelli riguardanti la gravidanza delle donne diabetiche rivestono un’importanza rilevante, tanto dal punto di vista sanitario, quanto sociale, per le conseguenze che questa patologia può determinare nel nascituro ma anche nella gestante. Il diabete può pre-esistere alla gravidanza (diabete pregestazionale), ma molto più spesso può comparire nel corso della gravidanza in donne inconsapevoli della malattia (diabete gestazionale). Il cardine della terapia per il diabete e il diabete gestazionale risiede nella dieta, nella terapia con ipoglicemizzanti orali o insulina, ma sta destando notevole interesse l’affacciarsi sulla scena di integratori costituiti da sostanze come il D-chiro-inositolo, che sembrano capaci di aiutare nel controllo glicemico in questo tipo di patologie, ma di cui ovviamente è necessario comprovare l’efficacia. I dati del nostro studio sembrano dimostrare che il D-chiro-inositolo, integratore che ha mostrato di avere un ruolo nel metabolismo glicidico e nella regolazione della sensibilità all’insulina, agisce sul metabolismo delle gravide a rischio di sviluppare diabete gestazionale, che probabilmente di base hanno un’alterazione del metabolismo insulinico e glucidico, migliorando probabilmente la sensibilità insulinica e riducendo la comparsa di diabete gestazionale nelle gravide a rischio, diminuendo l’incremento di peso e le ipoglicemie notturne responsabili degli attacchi di fame notturna. Ulteriori studi sarebbero auspicabili per chiarire il meccanismo d’azione del d-chiroinositolo a livello cellulare nel metabolismo glucidico in gravidanza, e riconfermare questi dati clinici anche con casistiche più ampie.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

kostin@alice.it