Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2014 Febbraio;66(1) > Minerva Ginecologica 2014 Febbraio;66(1):85-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2014 Febbraio;66(1):85-9

lingua: Inglese

Effetto della metformina sul livello dell’ormone antimulleriano nella terapia della sindrome dell’ovaio policistico nelle donne obese

Grigoryan O., Absatarova J., Andreeva E., Melnichenko G., Dedov I.

Endocrinology Research Centre, Moscow, Russia


PDF  


Obiettivo. La riduzione dell’ormone antimulleriano (AMH) nelle donne con iperinsulinemia in terapia con metformina suggerisce che la metformina possa influire sul livello di AMH e sulla disfunzione ovulatoria attraverso meccanismi insulino-mediati. Lo scopo dello studio era la valutazione degli effetti della metformina cloridrato (Siofor) sul livello di AMH nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico (policystic ovary syndrome, PCOS) e obesità.
Metodi. Lo studio ha coinvolto 40 donne con PCOS, di età compresa tra 22 e 35 anni (età media 28,7±5,2 anni) con indice di massa corporea (body mass index, BMI) pari a 32,5±4,3 kg/m2. Tutte le pazienti hanno ricevuto metformina cloridrato (Siofor) per via orale, 1 compressa (850 mg) due volte al giorno per sei mesi. Dopo tre e sei mesi di terapia delle caratteristiche antropometriche, è stata valutata la concentrazione di ormoni nel siero del sangue.
Risultati. Nelle pazienti che assumevano Siofor si è manifestata una diminuzione di BMI, rapporto vita-fianchi (P<0,05), concentrazione di T, nonché indice degli androgeni liberi (FAI) (P<0,01). Inoltre, c’è stata una diminuzione nel volume ovarico del 12%. La concentrazione di AMH durante la terapia non è cambiata in modo significativo.
Conclusioni. L’ipotesi che una diminuzione del livello di AMH sia una conseguenza del minore BMI, che era significativo nel gruppo delle donne con iperinsulinemia, non sembra convincente, in considerazione del fatto che anche le pazienti con un livello di insulina normale hanno dimostrato una tendenza alla riduzione del BMI, tuttavia non accompagnata da una diminuzione della sua concentrazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

korsil2008@yandex.ru