Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 October;65(5) > Minerva Ginecologica 2013 October;65(5):577-85

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2013 October;65(5):577-85

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Una rete di sorveglianza innovativa basata su ginecologi territoriali per studiare in Italia l’incidenza e la prevalenza dei condilomi genitali in donne: l’esperienza maturata

Suligoi B. 1, Salfa M. C. 1, Mariani L. 2, Corsini D. 3, Timelli L. 3, Fattorini G. 4, Vittori G. 5

1 Centro Operativo AIDS Istituto Superiore di Sanità, Rome, Italy;
2 HPV-unit Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Rome, Italy;
3 Informa srl, Rome, Italy;
4 Azienda Sanitaria di Bologna, Bologna, Italy;
5 Ospedale San Carlo di Nancy, Rome, Italy


PDF  


Il papillomavirus umano (HPV) è l’agente eziologico dei condilomi genitali. I condilomi genitali si trasmettono attraverso i contatti sessuali e sono causati in circa il 90% dei casi dai tipi 6 e 11. A livello mondiale, ogni anno si verificano diversi milioni di casi di condilomi genitali, sia nelle femmine che nei maschi. In Italia i condilomi genitali non sono sottoposti a notifica obbligatoria e pertanto gli unici dati disponibili sulla diffusione di questa patologia provengono dal sistema di sorveglianza sentinella per le infezioni sessualmente trasmesse (IST), ove i condilomi genitali rappresentano la IST più frequentemente diagnosticata. Questi dati, tuttavia, non consentono di effettuare stime di incidenza e prevalenza di questa patologia nella popolazione generale. Per ottenere dati più affidabili sulla epidemiologia dei condilomi genitali nella popolazione femminile generale, abbiamo costituito una rete di ginecologi territoriali a cui è stato chiesto di registrare, per la durata di un anno, pochi dati essenziali per ogni donna visitata e dati dettagliati per ogni donna che presentava una condilomatosi genitale. La rete è stata implementata attraverso una collaborazione tra l’Istituto Superiore di Sanità e la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, che hanno avviato e coordinato questo progetto sperimentale, unico nel suo genere in Europa. Il presente lavoro intende presentare i metodi utilizzati per costruire e implementare questa rete di sorveglianza di ginecologi territoriali, analizzando vantaggi e difficoltà incontrate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

barbara.suligoi@iss.it