Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 October;65(5) > Minerva Ginecologica 2013 October;65(5):551-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2013 October;65(5):551-5

lingua: Inglese

Valutazione ecografica del segmento uterino inferiore in pregresso taglio cesareo

Sanlorenzo O., Farina A., Pula G., Zanello M., Pedrazzi A., Martina T., Gabrielli S., Simonazzi G., Rizzo N.

Department of Obstetrics and Prenatal Medicine, S. Orsola-Malpighi Hospital, Bologna, Italy


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente lavoro è stato quello di valutare lo spessore del segmento uterino inferiore (lower uterine segment, LUS) mediante l’ecografia transvaginale nelle gravidanze late preterm e a termine con un singolo pregresso taglio cesareo; correlare le misurazioni ottenute del LUS con le osservazioni intraoperatorie; identificarne un valore cut-off predittivo al fine di selezionare le pazienti migliori candidate per un parto vaginale dopo taglio cesareo (vaginal birth after Cesarean section, VBAC).
Metodi. Sono state reclutate 214 donne sottoposte a un singolo pregresso taglio cesareo con una misurazione ecografica dello spessore del LUS (stratificato in S1, S2 e S3) effettuata durante la gravidanza. L’outcome di interesse è stato l’osservazione di una cicatrice uterina sottile al momento del taglio cesareo iterativo. La regressione lineare è stata utilizzata per correlare lo spessore del LUS con l’epoca gestazionale (gestational age, GA). La curva ROC è stata usata per determinare il detection rate (DR) e il rischio di ciascun valore reale dello spessore del LUS versus una cicatrice uterina sottile (outcome d’interesse).
Risultati. Lo spessore del LUS è stato correlato con l’epoca gestazionale (R2=0.034, p-value= 0.005). Il DR stimato con la curva ROC per rilevare un segmento uterino inferiore translucente (S3) è stato 94.1% con tasso di falsi positivi (FPR, False Positive Rate) del 20%. Il valore di cut-off corrispondente è stato di 1.8 mm. Infine è stato stimato il likelyhood ratio (LR) degli S3 osservati. Al cut-off calcolato di 1.8 mm il LR era 3. Come dimostrato, per un segmento di 1 mm, il LR era invece circa di 13.
Conclusione. I valori ottenuti ci hanno condotto alla conclusione che uno spessore inferiore a 1.8 mm possa essere ragionevolmente considerato un valido cut-off per identificare le pazienti a rischio aumentato di possedere una cicatrice uterina sottile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

antonio.farina@unibo.it