Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 Agosto;65(4) > Minerva Ginecologica 2013 Agosto;65(4):465-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2013 Agosto;65(4):465-70

lingua: Inglese

Efficacia dell’adelmidrol intravaginale per il trattamento dei disturbi pelvico viscerali e degli stati di ansia ad essi correlati: studio osservazionale prospettico

Indraccolo U. 1, Scutiero G. 2, Matteo M. 3, Greco P. 3

1 Complex Operative Unit of Obstetrics and Gynecology of Civitanova Marche Area Vasta 3, Civitanova Marche, Italy;
2 Complex Operative Unit of Gynecology and Obstetrics, Civico Ospedale di Codogno, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, Codogno, Italy;
3 Institute of Obstetrics and Gynecology Department of Medical and Surgical Sciences University of Foggia, Foggia, Italy


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era mostrare che il livello di ansia percepito da pazienti affette da fastidi pelvici si riduce dopo somministrazione intravaginale di adelmidrol.
Metodi. Ventiquattro pazienti che si descrivevano come soggetti ansiosi (punteggio 5 o superiore in una scala da 1 a 10) e soffrivano di fastidi pelvici (durante la defecazione, la minzione, i rapporti sessuali e le mestruazioni) sono state reclutate nello studio. I fastidi pelvici sono stati valutati attraverso un questionario in cui le pazienti dovevano attribuire ai fastidi un punteggio da 1 a 10, a seconda dell’intensità. Alle pazienti è stata proposta una terapia a base di adelmidrol intravaginale (2%, 4,5 ml due volte al giorno per 30 giorni). Al termine della terapia le pazienti sono state nuovamente intervistate ed è stato loro richiesto di fornire un’autovalutazione del livello di ansia e dei fastidi pelvici.
Risultati. Dodici pazienti hanno accettato di sottoporsi alla terapia con adelmidrol. Ad eccezione del fastidio, dopo 30 giorni tutti i punteggi mediani attribuiti ai fastidi pelvici viscerali erano migliorati, con valori significativi ottenuti per il fastidio mestruale (P=0,013) e i disturbi legati ai rapporti sessuali (P=0,013). Dopo 30 giorni anche il livello di ansia percepito si era ridotto (P=0,025), indipendentemente dalle variazioni di intensità del fastidio.
Conclusioni. Si può ipotizzare che l’adelmidrol moduli selettivamente le vie nocicettive viscerali (interocezione), attenuando i fastidi pelvici. Questa azione dovrebbe avere un effetto indipendente sull’ansietà.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

ugo.indraccolo@libero.it