Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 August;65(4) > Minerva Ginecologica 2013 August;65(4):385-405

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  NOVITÀ IN CHIRURGIA GINECOLOGICA


Minerva Ginecologica 2013 August;65(4):385-405

lingua: Inglese

Incidenza di disfunzione urinaria pre- e postoperatoria associata ad endometriosi infiltrante profonda: importanza dei test urodinamici ed implicazioni terapeutiche

Bonneau C. 1, Zilberman S. 1, Ballester M. 1, 2, Thomin A. 1, Thomassin-Naggara I. 2, 3, Bazot M. 2, 3, Daraï É. 1, 2, 4

1 Department of Gynecology and Obstetrics Hôpital Tenon, Assistance Publique des Hôpitaux de Paris Université Pierre et Marie Curie Paris VI, Paris, France;
2 Groupe de Recherche Clinique, GRC-UPMC 6, Centre Expert En Endométriose, Paris, France;
3 Department of Radiology, Hôpital Tenon, Assistance Publique des Hôpitaux de Paris Université Pierre et Marie Curie Paris VI, Paris, France;
4 UMRS938, Université Pierre et Marie Curie, Paris VI, Paris, France


PDF  


Nonostante siano state pubblicate molte casistiche sul trattamento dell’endometriosi infiltrante profonda (deep infiltrating endometriosis, DIE) con interessamento del tratto digerente o urinario, pochi dati sono disponibili sulla disfunzione urinaria (urinary dysfunction, UD) pre- e postoperatoria e sugli esami urodinamici. Con queste premesse, l’obiettivo di questa review era valutare sia l’incidenza pre- e postoperatoria della UD, sia il contributo dei test urodinamici e le loro implicazioni terapeutiche. Sono stati selezionati studi pubblicati nel periodo compreso tra gennaio 1995 e aprile 2012, disponibili nei database di Medline, di Embase o della Cochrane Library, e rispondenti ad un algoritmo di parole chiave. Gli studi sono stati classificati in base al livello di evidenza secondo la classificazione Canadian Task Force. La review ha preso in considerazione 63 studi in totale. L’incidenza di UD preoperatoria non è nota nelle pazienti con DIE senza interessamento del colon retto, mentre varia dal 2% al 48% nelle pazienti con endometriosi colorettale. Nella metà circa delle pazienti i test urodinamici hanno evidenziato risultati alterati. Il trattamento chirurgico della DIE è associato ad un rischio di disfunzione urinaria che si traduce principalmente in una disfunzione minzionale de novo, riscontrata in una percentuale compresa tra l’1,4% e il 29,2% dei casi, con un valore medio del 4,8%. La percentuale di disfunzione minzionale persistente varia dallo 0% al 14,7% con un valore medio del 4,6%. Costituiscono fattori di rischio per UD postoperatoria la necessità di colpectomia parziale, parametrectomia e anastomosi colo-anali. Nelle pazienti con endometriosi del tratto urinario l’incidenza di UD preoperatoria è compresa tra il 24,4% e il 79,2%, mentre il tasso di disfunzione minzionale postoperatoria è compreso tra 0% e 16,9%, con un valore medio dell’11,1%. La prevenzione della UD postoperatoria si basa sulla chirurgia nerve-sparing. Il trattamento della disfunzione minzionale richiede l’autocateterismo vescicale. È stata riscontrata una carenza di dati sulla terapia medica e sulle tecniche chirurgiche utilizzabili per il trattamento della UD postoperatoria. Un maggiore impegno è necessario per diagnosticare una UD preoperatoria associata a DIE. Una valutazione preoperatoria mediante test urodinamici e possibilmente elettrofisiologici potrebbe essere interessante soprattutto nei pazienti con fattori di rischio. Questa review evidenzia la difficoltà di definire raccomandazioni chiare a causa dell’eterogeneità degli studi e dell’assenza di consenso sulla definizione di UD.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

emile.darai@tnn.aphp.fr