Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 June;65(3) > Minerva Ginecologica 2013 June;65(3):319-26

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2013 June;65(3):319-26

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Posizionamento di una sling preventiva per la correzione dell’incontinenza urinaria latente durante l’intervento di riparazione del colpocele anteriore: 2 anni di follow-up

Paganotto M. C. 1, Amadori L. 1, Di Donato N. 1, Mauloni M. 2, Busacchi P. 1

1 Department of Gynecology and Pathophysiology of Human Reproduction, Policlinico S. Orsola-Malpighi University Hospital, Alma Mater Studiorum-University of Bologna, Bologna, Italy;
2 Department of Obstetrics and Prenatal Medicine, Policlinico S. Orsola-Malpighi University Hospital, Alma Mater Studiorum-University of Bologna, Bologna, Italy


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente lavoro è stato quello di verificare l’utilità di aggiungere una TOT preventiva già durante l’intervento di riparazione del prolasso anteriore, in pazienti con voluminoso cistocele ed incontinenza urinaria latente obiettivamente accertata.
Metodi. Studio retrospettivo in un Ospedale Universitario di terzo livello assistenziale. 99 donne reclutate dal 2004 al 2010, con voluminoso cistocele (Ba≥2 cm del Pelvic Organ Prolapse Quantification) associato ad incontinenza urinaria da stress latente: 53 pazienti hanno subito la sola correzione del colpocele anteriore mentre 46 hanno avuto lo stesso intervento con, in aggiunta, una TOT. È stato inoltre chiesto loro di esprimere un voto in proposito alla qualità di vita complessiva, utilizzando l’ International Consultation on Incontinence Modular Questionnaire-Lower Urinary Tract Symptoms Quality Of Life (ICIQ-LUTSqol). Tutte le pazienti sono state rivalutate ad uno, sei, dodici e ventiquattro mesi di follow-up. Analisi statistica: (SPSS 15.0 software; SPSS inc., Chicago IL, USA) eseguita utilizzando il test del Chi-quadro con correzione post-hoc di Fisher.
Risultati. A 24 mesi di follow-up il tasso di comparsa di incontinenza urinaria da sforzo all’esame uroginecologico era più alto nel gruppo non dotato di TOT (81% vs. 19%, P=0,004). Riguardo la qualità di vita complessiva, i tassi di soddisfazione significativamente più elevati sono stati indicati dal gruppo trattato con TOT supplementare (P=0,006).
Conclusioni. L’aggiunta di una TOT all’ intervento di correzione del prolasso anteriore sembra conferire al trattamento una maggiore durata nel tempo rispetto alla sola colporrafia anteriore, con conseguente minor tasso di insorgenza dei sintomi urinari e migliore qualità di vita nel lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

paolo.busacchi@unibo.it