Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 June;65(3) > Minerva Ginecologica 2013 June;65(3):241-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  OTTIMIZZAZIONE DELLA CONTRACCEZIONE


Minerva Ginecologica 2013 June;65(3):241-52

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Migliorare la comprensione dei metodi contraccettivi reversibili a lunga durata d’azione: una review

Michie L. 1, 2, Cameron S. T. 1, 2

1 Department of Reproductive and Developmental Sciences University of Edinburgh, Edinburgh, UK;
2 Chalmers Sexual Health Centre, Edinburgh, UK


PDF  


In tutto il mondo, i tassi di gravidanze non programmate sono elevati. Le gravidanze non programmate non solo comportano notevoli costi per i servizi sanitari, ma possono anche essere fonte di angoscia per le donne che le affrontano. Nonostante un gran numero di gravidanze non programmate si verifichi in donne che non utilizzano alcun metodo contraccettivo, parte di esse si verifica in donne che utilizzano un metodo contraccettivo in maniera sbagliata o irregolare. I metodi contraccettivi reversibili a lunga durata d’azione, come i dispositivi intrauterini (IUD), i sistemi intrauterini (IUS), gli impianti contraccettivi e le sostanze iniettabili, rappresentano i metodi contraccettivi più efficaci. Nonostante ciò, essi sono sottoutilizzati dalle donne nei paesi sviluppati. Educare le donne e gli operatori sanitari, eliminando le leggende su tali metodi può migliorare la loro accettabilità. Inoltre, agevolare la comprensione, garantendo che una serie di operatori siano addestrati e capaci di fornire assistenza alle donne senza eccessivo ritardo, in particolare subito dopo l’aborto e il parto, può anche essere una valida strategia per migliorare la comprensione e prevenire un maggior numero di gravidanze non programmate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lucy.michie@ed.ac.uk