Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2013 April;65(2) > Minerva Ginecologica 2013 April;65(2):105-11

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  AGGIORNAMENTO SULL’ENDOMETRIOSI


Minerva Ginecologica 2013 April;65(2):105-11

lingua: Inglese

Fattori predittivi e trattamento della recidiva dell’endometriosi

Paka C., Miller J., Nezhat C.

Center for Special Minimally Invasive and Robotic Surgery, Stanford University, Palo Alto, CA, USA


PDF  


L’endometriosi resta un processo patologico enigmatico. La chiave della sua comprensione risiede nel riconoscimento precoce dei sintomi e nel trattamento, il quale può iniziare con la soppressione ormonale. In caso di insuccesso della soppressione ormonale, o se si desidera preservare la fertilità, si deve ricorrere all’intervento chirurgico. Obiettivo dell’intervento chirurgico primario è quello di raggiungere un trattamento ottimale, riducendo il peso della patologia. Tuttavia, nonostante un trattamento adeguato, in un’ampia percentuale di donne è necessario un secondo intervento chirurgico. Gli elementi favorenti la ricorrenza sono multifattoriali, alcuni dei quali possono essere previsti; inoltre, un certo grado di ricorrenza del dolore si verifica nonostante evidenze ovvie. La chirurgia della recidiva deve anche mirare a ridurre il carico patologico mentre il trattamento conservativo versus definitivo è basato sullo stato di fertilità della paziente. Inoltre, l’utilizzo del trattamento medico può mitigare i tassi di ricorrenza. Vi è ancora molto lavoro da compiere nell’ambito della ricorrenza del dolore e della patologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

cnezhat@stanford.edu