Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2012 Dicembre;64(6) > Minerva Ginecologica 2012 Dicembre;64(6):531-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2012 Dicembre;64(6):531-8

 ARTICOLI ORIGINALI

Valutazione del trattamento con D-chiro-inositolo sui livelli di stress ossidativo nelle pazienti con PCOS

De Leo V. 1, La Marca A. 2, Cappelli V. 1, Stendardi A. 1, Focarelli R. 1, Musacchio M. C. 1, Piomboni P. 1

1 Dipartimento di Medicina Molecolare e dello Sviluppo, Centro di Sterilità di Coppia, Università degli Studi di Siena, Siena, Italia;
2 Clinica Ostetrica e Ginecologica, Università degli Studi di Modena, Modena, Italia

Obiettivo. Recenti studi sulla fisiopatologia dell’infertilità di coppia hanno indicato che lo stress ossidativo (OS) può esserne uno dei fattori causali. L’OS è, per definizione, uno squilibrio tra la produzione di specie radicaliche dell’ossigeno (ROS) e i sistemi di difesa antiossidanti. Sembra che lo stress ossidativo abbia un ruolo in quasi tutte le fasi della riproduzione umana. I ROS infatti sono coinvolti nella modulazione di un intero spettro di funzioni riproduttive come la maturazione dell’oocita, la steroidogenesi ovarica, le funzioni del corpo luteo e sono coinvolti nei processi di fecondazione, sviluppo embrionale e gravidanza, ma anche in alcune patologie che causano infertilità. La sindrome dell’ovaio policistico è stata recentemente associata ad un aumento dello stress ossidativo, spesso messo in relazione al disordine metabolico tipico della sindrome. L’inositolo è un mediatore intracellulare dell’azione insulinica, attualmente molto impiegato come agente terapeutico nella PCOS. Mentre la sua azione principale si svolge attraverso l’insulino-sensibilizzazione, poco è noto circa i possibili effetti su altre disfunzioni associate alla PCOS, quali lo stress ossidativo. Lo scopo di questo lavoro è stato dunque quello di valutare in l’effetto del D-chiro-inositolo sullo stato di stress ossidativo nel fluido follicolare di donne con PCOS.
Metodi. I fluidi follicolari sono stati ottenuti da donne che si sono rivolte al Centro per la Diagnosi e la Terapia della Sterilità di Coppia della Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena e di Modena con diagnosi di PCOS. Le donne sono state trattate con D-chiro-inositolo (500 mg x 2 al giorno) per 3 mesi prima di essere sottoposte a cicli di IVF. Lo stato di stress ossidativo è stato misurato attraverso marcatura dei gruppi tiolici liberi delle proteine nel liquido follicolare con 3-N-Maleimidopropionilbiocitina
Risultati. I risultati ottenuti rivelano una minore presenza dei gruppi tiolici liberi delle proteine pari al 77.8% nei fluidi follicolari di donne con PCOS non trattate con D-chiro-inositolo, rispetto a quelli di donne che invece hanno effettuato tale trattamento.
Conclusione. Questi risultati suggeriscono che nelle donne affette da PCOS si ha un aumento dell’ossidazione dei gruppi tiolici delle proteine follicolari, correlabile ad un progressivo incremento dello stress ossidativo del sistema, e che la somministrazione di D-chiro-inositolo in pazienti con questa patologia sembra ridurre l’ossidazione dei gruppi tiolici.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina