Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2012 Ottobre;64(5) > Minerva Ginecologica 2012 Ottobre;64(5):361-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  PROBLEMI CARDIACI IN GRAVIDANZA


Minerva Ginecologica 2012 Ottobre;64(5):361-73

lingua: Inglese

Cardiomiopatia peripartum: un aggiornamento

Güder G. 1, 2, Brenner S. 1, 2, Angermann C. E. 1, 2, Störk S. 1, 2

1 Comprehensive Heart Failure Center, University of Würzburg, Würzburg, Germany;
2 Department of Internal Medicine I, Cardiology, University of Würzburg, Würzburg, Germany


PDF  


La cardiomiopatia peripartum (peripartum cardiomyopathy, PPCM) è una malattia rara del muscolo cardiaco che colpisce, nel corso della gravidanza o nei primi mesi dopo il parto, donne senza precedenti cardiopatie note. I principali sintomi sono dispnea e ritenzione idrica. Questa non comune causa di insufficienza cardiaca, tuttavia, può essere annunciata anche da tachicardia, tromboembolia cardiogena e altri segni clinici di disfunzione cardiaca. L’incidenza stimata di PPCM mostra forti differenze su base territoriale: in Europa e negli Stati Uniti è compresa tra 1:2000 e 1:4000. I tassi di incidenza marcatamente più elevati rilevati nelle donne haitiane e sudafricane (fino a 1:300) suggeriscono che fattori genetici o ambientali possano avere un ruolo nella patogenesi della malattia. Tuttavia, l’eziologia della PPCM è ancora oscura. Oltre alla predisposizione genetica, sono state considerate una risposta autoimmune anomala contro componenti del tessuto cardiaco, infezioni virali o una irregolare attività della catepsina D in grado di generare una variante splice della prolattina potenzialmente cardiotossica. Sono state pertanto suggerite nuove strategie terapeutiche basate sull’immunomodulazione o sull’inibizione della prolattina, ma tali approcci non sono ancora confermati. Le attuali strategie di trattamento si basano sulle terapie standard dell’insufficienza cardiaca e delle sue complicanze. Durante la gravidanza, il trattamento dell’insufficienza cardiaca è limitato a sostanze prive di effetti fetotossici. Tuttavia, anche con una terapia ottimale dell’insufficienza cardiaca, il decorso della malattia mostra una grande variabilità, dalla piena guarigione al deterioramento della funzione cardiaca, fino alla morte cardiaca precoce. Questa review raccoglie le attuali conoscenze sulla PPCM con l’obiettivo di rendere più informati e consapevoli di questa malattia rara e potenzialmente letale tutti i medici coinvolti nella cura delle gravide.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

Gueder_G@klinik.uni-wuerzburg.de