Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2012 Ottobre;64(5) > Minerva Ginecologica 2012 Ottobre;64(5):345-59

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  PROBLEMI CARDIACI IN GRAVIDANZA


Minerva Ginecologica 2012 Ottobre;64(5):345-59

lingua: Inglese

Angiografia coronarica e interventi percutanei in gravidanza

Pradhan A. D. 1, Visweswaran G. K. 2, Gilchrist I. C. 1

1 Heart and Vascular Institute, Penn State Hershey Medical Center, Hershey, PA, USA;
2 Department of Internal Medicine, Penn State Hershey Medical Center, Hershey, PA, USA


PDF  


La gravidanza e la necessità del cateterismo cardiaco pongono una sfida unica che richiede il bilanciamento tra rischi e benefici per la madre e il feto. Fortunatamente, la necessità di procedure radiologiche invasive per la diagnosi cardiaca è stata notevolmente ridotta con la diffusa crescita della tecnologia di imaging, la quale utilizza energie non ionizzanti come l’ecografia per la diagnosi della patologia cardiaca sottostante. Poiché l’età fertile è cresciuta in numerosi Paesi, si è sviluppata una crescente sovrapposizione tra gravidanza e anni iniziali della coronaropatia acuta. Sia le sindromi coronariche acute che i classici disturbi valvolari congeniti vengono trattati con crescente successo mediante le tecnologie dei laboratori di cateterismo che implicano un certo livello di rischio per la gravidanza. Passiamo in rassegna la fisiopatologia delle malattie coronariche e valvolari che possono divenire sintomatiche o fortemente scompensate e che richiedono la considerazione della terapia cardiaca invasiva. Discutiamo inoltre dei rischi potenziali derivanti dall’irradiazione, dall’utilizzo del trattamento acuto e dalla potenziale necessità di trattamenti orali a più lungo termine derivanti dalle procedure cardiache invasive. Discutiamo inoltre di misure specifiche finali atte a ridurre i rischi più pertinenti alla gravidanza. Sebbene i rischi presenti durante la gravidanza siano unici, le procedure cardiache invasive indicate non devono essere negate o rimandate solo in base allo stato della gravidanza poiché un gran numero di tali procedure possiede benefici legati alla tempestività di intervento che possono essere persi con ritardi immotivati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

icg1@psu.edu